Pubblicità

Amici immaginari: aiutano i bambini a crescere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 417 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Immaginare di essere un supereroe o un animale feroce, oppure circondarsi di amichetti che vengono dal mondo della fantasia aiuta i bambini a crescere, a conoscere il mondo che li circonda e ad imparare a relazionarsi con gli altri. È quindi un bene che quasi due bimbi su tre, dai 3 ai 7 anni, siano pieni di questi “compagni immaginari”, come ha evidenziato in un’indagine un’équipe di psicologi dell’età evolutiva delle università dell’Oregon e di Washington. La ricerca, appena pubblicata sulla rivista Developmental Psychology, non solo tranquillizza in maniera definitiva psicologi e genitori che per lungo tempo hanno guardato con sospetto ai “fantasmi” frutto della fervida fantasia dei bambini, soprattutto quelli ormai in età scolare, ma ha il peso di imporre la revisione di alcune teorie ormai consolidate da decenni e legate a nomi come Jean Piaget, psicologo svizzero dei primi del ‘900 esperto dell’infanzia e Sigmund Freud, ci ha raccontato in un’intervista Marjorie Taylor del Dipartimento di Psicologia dell’Università dell’Oregon, una dei team leader del gruppo. “Piaget credeva che questo tipo di immaginazione fosse un segno dell’immaturità dei bambini in età prescolare, e che fosse (e dovesse essere) superabile con l’ingresso alle scuole elementari”, ha spiegato la psicologa, “mentre noi abbiamo visto che avere amici immaginari non è una prerogativa dei bimbi più piccoli ma un fenomeno altrettanto diffuso a 7 anni, che prescinde dalla personalità e dalle esperienze individuali del bambino”. “Freud invece”, ha aggiunto Taylor, “tendeva a vedere simili attività come il riflesso di conflitti inconsci e non come un aspetto sano dell’infanzia”.


Tratto da Yahoo Salute - prosegui nella lettura dell'articolo
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Articolo 31 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.31 (consenso per i minori), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo set...

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Le parole della Psicologia

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

News Letters

0
condivisioni