Pubblicità

Amici immaginari: aiutano i bambini a crescere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 353 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Immaginare di essere un supereroe o un animale feroce, oppure circondarsi di amichetti che vengono dal mondo della fantasia aiuta i bambini a crescere, a conoscere il mondo che li circonda e ad imparare a relazionarsi con gli altri. È quindi un bene che quasi due bimbi su tre, dai 3 ai 7 anni, siano pieni di questi “compagni immaginari”, come ha evidenziato in un’indagine un’équipe di psicologi dell’età evolutiva delle università dell’Oregon e di Washington. La ricerca, appena pubblicata sulla rivista Developmental Psychology, non solo tranquillizza in maniera definitiva psicologi e genitori che per lungo tempo hanno guardato con sospetto ai “fantasmi” frutto della fervida fantasia dei bambini, soprattutto quelli ormai in età scolare, ma ha il peso di imporre la revisione di alcune teorie ormai consolidate da decenni e legate a nomi come Jean Piaget, psicologo svizzero dei primi del ‘900 esperto dell’infanzia e Sigmund Freud, ci ha raccontato in un’intervista Marjorie Taylor del Dipartimento di Psicologia dell’Università dell’Oregon, una dei team leader del gruppo. “Piaget credeva che questo tipo di immaginazione fosse un segno dell’immaturità dei bambini in età prescolare, e che fosse (e dovesse essere) superabile con l’ingresso alle scuole elementari”, ha spiegato la psicologa, “mentre noi abbiamo visto che avere amici immaginari non è una prerogativa dei bimbi più piccoli ma un fenomeno altrettanto diffuso a 7 anni, che prescinde dalla personalità e dalle esperienze individuali del bambino”. “Freud invece”, ha aggiunto Taylor, “tendeva a vedere simili attività come il riflesso di conflitti inconsci e non come un aspetto sano dell’infanzia”.


Tratto da Yahoo Salute - prosegui nella lettura dell'articolo
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni