Pubblicità

Amore o odio a prima vista. Ecco come decide il cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 499 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ricerca Usa spiega quali aree cerebrali si attivano mentre si formano le prime impressioni su una persona. Il primo incontro? Quasi sempre decisivo. Bastano pochi minuti, a volte secondi. Attimi rapidissimi in cui studiamo una faccia nuova, ne osserviamo i comportamenti per dare un giudizio preciso, che con molta probabilità non cambierà.

Ma in che modo il cervello decide chi, a pelle, ci è simpatico o proprio non ci va giù? Scienziati della New York University e di Harvard hanno identificato i sistemi neurali coinvolti in questo delicato processo. Quando incontriamo qualcuno che non conosciamo, ci mettiamo pochissimo a farci una prima impressione e a stabilire se ci piace o no. Per cercare di capire che cosa guidi questo processo rapido ed implacabile, in uno studio pubblicato su Nature Neuroscience i ricercatori del laboratorio di Elizabeth Phelps, professore di psicologia e neuroscienze alla New York University, guidati da Daniela Schiller hanno analizzato il comportamento del cervello in un gruppo di volontari cui era stato chiesto di valutare alcuni individui.

Tratto da " Repubblica.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni