Pubblicità

Anche bere alcol "a basso rischio" può essere dannoso.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 580 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è solo il consumo pesante di alcol ad essere un problema: persino il consumo DEFINITO a basso rischio può portare al ricovero e alla morte, secondo un nuovo studio.

I bevitori moderati "non sono immuni dai pericoli", scrivono i ricercatori guidati da Adam Sherk, Ph.D., del Canadian Institute for Substance Use Research presso l'Università di Victoria nella British Columbia, Canada.

Le linee guida sul consumo a basso rischio del governo canadese affermano che le donne non dovrebbero consumare più di circa 10 bevande a settimana e gli uomini non più di 15. (Una "bevanda" è 12 once di birra, 5 once di vino o 1,5 once. di liquore.) Questi limiti sono leggermente superiori a quelli degli Stati Uniti e superano quelli della maggior parte degli altri paesi ad alto reddito.

Nella loro ricerca, Sherk e colleghi hanno scoperto che, nella Columbia Britannica, una parte significativa della morte e della disabilità causate dall'alcol era vissuta da coloro che bevevano in base a queste linee guida.

Ad esempio, oltre il 50% dei decessi per cancro derivanti dall'uso di alcol si è verificato nelle persone che bevono moderatamente.

Inoltre, il 38% di tutti i decessi attribuibili all'alcol sono stati riscontrati da persone che bevevano al di sotto dei limiti settimanali o tra ex bevitori.

Tuttavia, per le donne, il consumo di alcol all’interno dei parametri delle linee guida ha offerto una certa protezione dalla morte per infarto, ictus e diabete.

"Il suo effetto protettivo non sembra valere per gli uomini", aggiungono anche gli autori, "che hanno subito danni a tutti i livelli di consumo".

Pubblicità

Per il loro studio, gli investigatori hanno utilizzato un nuovo modello ad accesso aperto - il International Model of Alcohol Harms and Policies (InterMAHP) - che può essere utilizzato per stimare i danni da alcol in un paese o stato, in totale o per gruppo di bevitori.

Hanno usato i dati sull'esposizione all'alcool specifici della Columbia Britannica da sondaggi sull'uso di sostanze, dati ospedalieri dal Canadian Institute for Health Information e dati sulla mortalità da Statistics Canada Vital Statistics.

A causa di questi risultati, Sherk e colleghi affermano che alcune linee guida nazionali sull'alcol, pubblicate da molti paesi per aiutare i bevitori a prendere decisioni informate sulla salute, potrebbero avere limiti troppo elevati. Ciò può essere particolarmente vero in Canada, dove è stata condotta la ricerca.

Sherk suggerisce che i limiti delle linee guida dovrebbero essere abbassati per corrispondere a quelli nei Paesi Bassi: "Non bere o, se lo fai, non bere più di un drink al giorno".

Nel complesso, dice, il miglior consiglio per bere è quello di sbagliare sul lato della cautela, "Quando si tratta di consumo di alcol, meno è meglio".

Reference:

Adam Sherk, Gerald Thomas, Samuel Churchill, Tim Stockwell. Does Drinking Within Low-Risk Guidelines Prevent Harm? Implications for High-Income Countries Using the International Model of Alcohol Harms and Policies. Journal of Studies on Alcohol and Drugs, 2020; 81 (3): 352 DOI: 10.15288/jsad.2020.81.352

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: morte alcol rischio salute

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è ident...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

News Letters

0
condivisioni