Pubblicità

Anche bere alcol "a basso rischio" può essere dannoso.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 619 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è solo il consumo pesante di alcol ad essere un problema: persino il consumo DEFINITO a basso rischio può portare al ricovero e alla morte, secondo un nuovo studio.

I bevitori moderati "non sono immuni dai pericoli", scrivono i ricercatori guidati da Adam Sherk, Ph.D., del Canadian Institute for Substance Use Research presso l'Università di Victoria nella British Columbia, Canada.

Le linee guida sul consumo a basso rischio del governo canadese affermano che le donne non dovrebbero consumare più di circa 10 bevande a settimana e gli uomini non più di 15. (Una "bevanda" è 12 once di birra, 5 once di vino o 1,5 once. di liquore.) Questi limiti sono leggermente superiori a quelli degli Stati Uniti e superano quelli della maggior parte degli altri paesi ad alto reddito.

Nella loro ricerca, Sherk e colleghi hanno scoperto che, nella Columbia Britannica, una parte significativa della morte e della disabilità causate dall'alcol era vissuta da coloro che bevevano in base a queste linee guida.

Ad esempio, oltre il 50% dei decessi per cancro derivanti dall'uso di alcol si è verificato nelle persone che bevono moderatamente.

Inoltre, il 38% di tutti i decessi attribuibili all'alcol sono stati riscontrati da persone che bevevano al di sotto dei limiti settimanali o tra ex bevitori.

Tuttavia, per le donne, il consumo di alcol all’interno dei parametri delle linee guida ha offerto una certa protezione dalla morte per infarto, ictus e diabete.

"Il suo effetto protettivo non sembra valere per gli uomini", aggiungono anche gli autori, "che hanno subito danni a tutti i livelli di consumo".

Pubblicità

Per il loro studio, gli investigatori hanno utilizzato un nuovo modello ad accesso aperto - il International Model of Alcohol Harms and Policies (InterMAHP) - che può essere utilizzato per stimare i danni da alcol in un paese o stato, in totale o per gruppo di bevitori.

Hanno usato i dati sull'esposizione all'alcool specifici della Columbia Britannica da sondaggi sull'uso di sostanze, dati ospedalieri dal Canadian Institute for Health Information e dati sulla mortalità da Statistics Canada Vital Statistics.

A causa di questi risultati, Sherk e colleghi affermano che alcune linee guida nazionali sull'alcol, pubblicate da molti paesi per aiutare i bevitori a prendere decisioni informate sulla salute, potrebbero avere limiti troppo elevati. Ciò può essere particolarmente vero in Canada, dove è stata condotta la ricerca.

Sherk suggerisce che i limiti delle linee guida dovrebbero essere abbassati per corrispondere a quelli nei Paesi Bassi: "Non bere o, se lo fai, non bere più di un drink al giorno".

Nel complesso, dice, il miglior consiglio per bere è quello di sbagliare sul lato della cautela, "Quando si tratta di consumo di alcol, meno è meglio".

Reference:

Adam Sherk, Gerald Thomas, Samuel Churchill, Tim Stockwell. Does Drinking Within Low-Risk Guidelines Prevent Harm? Implications for High-Income Countries Using the International Model of Alcohol Harms and Policies. Journal of Studies on Alcohol and Drugs, 2020; 81 (3): 352 DOI: 10.15288/jsad.2020.81.352

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: morte alcol rischio salute

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Superare un lutto [16164405522…

Caregiver, 50 anni       Buonasera Dottori, Ho quasi cinquant'anni, non ho figli e non sono mai stata sposata. Ho passato gli ultimi ven...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni