Pubblicità

Anche bere alcol "a basso rischio" può essere dannoso.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 521 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Non è solo il consumo pesante di alcol ad essere un problema: persino il consumo DEFINITO a basso rischio può portare al ricovero e alla morte, secondo un nuovo studio.

I bevitori moderati "non sono immuni dai pericoli", scrivono i ricercatori guidati da Adam Sherk, Ph.D., del Canadian Institute for Substance Use Research presso l'Università di Victoria nella British Columbia, Canada.

Le linee guida sul consumo a basso rischio del governo canadese affermano che le donne non dovrebbero consumare più di circa 10 bevande a settimana e gli uomini non più di 15. (Una "bevanda" è 12 once di birra, 5 once di vino o 1,5 once. di liquore.) Questi limiti sono leggermente superiori a quelli degli Stati Uniti e superano quelli della maggior parte degli altri paesi ad alto reddito.

Nella loro ricerca, Sherk e colleghi hanno scoperto che, nella Columbia Britannica, una parte significativa della morte e della disabilità causate dall'alcol era vissuta da coloro che bevevano in base a queste linee guida.

Ad esempio, oltre il 50% dei decessi per cancro derivanti dall'uso di alcol si è verificato nelle persone che bevono moderatamente.

Inoltre, il 38% di tutti i decessi attribuibili all'alcol sono stati riscontrati da persone che bevevano al di sotto dei limiti settimanali o tra ex bevitori.

Tuttavia, per le donne, il consumo di alcol all’interno dei parametri delle linee guida ha offerto una certa protezione dalla morte per infarto, ictus e diabete.

"Il suo effetto protettivo non sembra valere per gli uomini", aggiungono anche gli autori, "che hanno subito danni a tutti i livelli di consumo".

Pubblicità

Per il loro studio, gli investigatori hanno utilizzato un nuovo modello ad accesso aperto - il International Model of Alcohol Harms and Policies (InterMAHP) - che può essere utilizzato per stimare i danni da alcol in un paese o stato, in totale o per gruppo di bevitori.

Hanno usato i dati sull'esposizione all'alcool specifici della Columbia Britannica da sondaggi sull'uso di sostanze, dati ospedalieri dal Canadian Institute for Health Information e dati sulla mortalità da Statistics Canada Vital Statistics.

A causa di questi risultati, Sherk e colleghi affermano che alcune linee guida nazionali sull'alcol, pubblicate da molti paesi per aiutare i bevitori a prendere decisioni informate sulla salute, potrebbero avere limiti troppo elevati. Ciò può essere particolarmente vero in Canada, dove è stata condotta la ricerca.

Sherk suggerisce che i limiti delle linee guida dovrebbero essere abbassati per corrispondere a quelli nei Paesi Bassi: "Non bere o, se lo fai, non bere più di un drink al giorno".

Nel complesso, dice, il miglior consiglio per bere è quello di sbagliare sul lato della cautela, "Quando si tratta di consumo di alcol, meno è meglio".

Reference:

Adam Sherk, Gerald Thomas, Samuel Churchill, Tim Stockwell. Does Drinking Within Low-Risk Guidelines Prevent Harm? Implications for High-Income Countries Using the International Model of Alcohol Harms and Policies. Journal of Studies on Alcohol and Drugs, 2020; 81 (3): 352 DOI: 10.15288/jsad.2020.81.352

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: morte alcol rischio salute

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Possibile depressione [1601127…

Mmonic, 17 anni     {loadposition pub3}     dott.ssa Eleonora Mercadante   Pubblicato in data 03/06/2020   ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Eating Disorder Voice: la voce…

Un nuovo studio, condotta da Matthew Pugh, Psicologo clinico presso il Vincent Square Eating Disorder Service di Londra, esplora l'associazione tra la presenza ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni