Pubblicità

Animali domestici: un aiuto per fronteggiare lo stress

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1672 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo uno studio recente, condotto da ricercatori dell’Università della Florida, gli animali domestici forniscono un valido supporto sociale per i bambini sottoposti ad eventi stressanti.

stress animali

Darlene Kertes e colleghi si sono posti l’obiettivo di verificare la credenza comune secondo la quale i cani da compagnia forniscano sostegno sociale ai bambini, utilizzando uno studio controllato randomizzato.

"Molte persone pensano che i cani da compagnia siano ottimi per i bambini, ma gli scienziati non sono sicuri se ciò sia vero o meno e come questo possa avvenire", ha detto Kertes.

L’autrice, ha affermato che il motivo per cui ciò accade, potrebbe dipendere dalla capacità degli animali domestici di aiutare i bambini a fronteggiare lo stress. La modalità di gestione dello stress, appresa da bambini, influenzerà il modo di affrontare lo stress da adulti.

Lo studio, pubblicato recentemente nella rivista Social Development, ha coinvolto circa 100 famiglie con animali da compagnia.

Per indurre lo stress, ai bambini, che avevano un’età compresa tra i 7 e i 12 anni, è stato chiesto di svolgere due compiti: parlare in pubblico e svolgere un esercizio aritmetico mentale (noti per evocare sentimenti stressanti e aumentare il cortisolo), simulando una situazione critica di vita reale durante l’infanzia.

Durante lo svolgimento dei compiti, i bambini sono stati suddivisi in maniera randomizzata in tre categorie: alcuni svolgevano il compito in presenza del loro cane, altri in presenza di un genitore e la restante parte senza alcun tipo di sostegno. Kertes ha affermato: "La nostra ricerca mostra che avere un cane da compagnia quando un bambino subisce un'esperienza stressante riduce il loro livello di stress. I bambini che avevano con sé il loro animale domestico hanno riferito di sentirsi meno stressati rispetto a coloro i quali avevano accanto un genitore per il sostegno sociale o a coloro che non avevano nessun tipo di sostegno sociale".

Pubblicità

Sono stati, inoltre, raccolti dei campioni di saliva prima e dopo la presentazione dello stressor con l’obiettivo di verificare i livelli di cortisolo, un marcatore biologico che indica la risposta dell’organismo agli eventi stressanti. I risultati hanno mostrato che per i bambini che hanno sperimentato l'esperienza stressante con i loro cani, il livello di cortisolo dei bambini variava a seconda della natura dell'interazione dei bambini e dei loro animali domestici.

I bambini che hanno attivamente interagito con i propri cani hanno mostrato minori livelli di cortisolo, rispetto a quei bambini che si relazionavano meno con i loro cani. Quando, invece, erano i cani ad avvicinarsi ai bambini e a ricercare la loro attenzione, il livello di cortisolo era tendenzialmente superiore. L’infanzia, in genere, è un periodo della vita in cui i bambini estendono la propria attenzione a figure non solo genitoriali, ma le loro capacità emozionali e biologiche non sono ancora del tutto sviluppate.

Dal momento che è noto che le modalità di risposta allo stress vengono apprese durante l’infanzia e che esse hanno conseguenze durante tutto il corso della vita sulla salute emotiva e il benessere, è necessario comprendere più precisamente le strategie più efficaci per gestire lo stress sin da bambini.

 

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress infanzia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni