Pubblicità

Anoressia: il conflitto interiore può uccidere

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 603 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un conflitto interiore, questo potrebbe essere il motivo per cui si sviluppa uno dei più gravi e drammatici disturbi alimentari: l’anoressia.
Secondo un nuovo studio britannico, capire cosa si cela dietro all’anoressia nervosa è indispensabile per poter offrire un reale e concreto aiuto a chi ne soffre, e saper discernere quando si debba optare o meno per il trattamento forzato.
I ricercatori hanno coinvolto in questo studio 29 donne in cura per anoressia nervosa.

 

 

Alle partecipanti hanno sottoposto un questionario a cui dovevano rispondere e che conteneva domande su come loro vedessero la propria condizione, in che misura la comprendessero, cosa provassero nei confronti del trattamento forzato e, infine, come la malattia influisse sul processo decisionale.
La sorpresa è arrivata dalle risposte: nonostante i ricercatori non avessero incluso domande che riguardavano l’identità e l’autenticità di sé, la quasi totalità delle partecipanti ha citato il rapporto che avevano con se stesse e il proprio reale o autentico sé, in contrasto con un sé sentito come non vero.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni