Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Antidepressant trials exclude most ‘real world’ patients with depression

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 302 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

pilloleMAt least five patients would need to be screened to enroll just one patient meeting the typical inclusion and exclusion criteria for antidepressant registration trials (ARTs), suggests the new research by Drs. Sheldon Preskorn and Matthew Macaluso of University of Kansas School of Medicine-Wichita and Dr. Madhukar Trivedi of Southwestern Medical School, Dallas. The study highlights some major differences between patients with depression seen in everyday clinical practice and those enrolled in ARTs–the studies of antidepressants that lead to FDA drug approval.

pilloleMost Patients with Major Depression Aren’t Eligible for ARTs
Antidepressant registration trials use certain inclusion and exclusion criteria to create a group of patients with similar characteristics. These criteria increase the chances of detecting true drug effects, while reducing “false signals” of safety problems or side effects. For example, ARTs commonly exclude patients with other medical problems–if their illness worsened during the study, it might raise inaccurate safety concerns about the drug being studied.
To find out how these inclusion and exclusion criteria affect patient selection for ARTs, the researchers analyzed more than 4,000 patients from the Sequenced Treatment Alternatives to Relieve Depression (STAR*D) study. Funded by the National Institute of Mental Health, STAR*D was the largest and longest study of depression treatment ever conducted. To ensure that the “real world” population of patients with depression was represented, STAR*D used minimal exclusion criteria.


Tratto da:psypost.org- Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni