Pubblicità

Antidepressant trials exclude most ‘real world’ patients with depression

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 501 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

pilloleMAt least five patients would need to be screened to enroll just one patient meeting the typical inclusion and exclusion criteria for antidepressant registration trials (ARTs), suggests the new research by Drs. Sheldon Preskorn and Matthew Macaluso of University of Kansas School of Medicine-Wichita and Dr. Madhukar Trivedi of Southwestern Medical School, Dallas. The study highlights some major differences between patients with depression seen in everyday clinical practice and those enrolled in ARTs–the studies of antidepressants that lead to FDA drug approval.

pilloleMost Patients with Major Depression Aren’t Eligible for ARTs
Antidepressant registration trials use certain inclusion and exclusion criteria to create a group of patients with similar characteristics. These criteria increase the chances of detecting true drug effects, while reducing “false signals” of safety problems or side effects. For example, ARTs commonly exclude patients with other medical problems–if their illness worsened during the study, it might raise inaccurate safety concerns about the drug being studied.
To find out how these inclusion and exclusion criteria affect patient selection for ARTs, the researchers analyzed more than 4,000 patients from the Sequenced Treatment Alternatives to Relieve Depression (STAR*D) study. Funded by the National Institute of Mental Health, STAR*D was the largest and longest study of depression treatment ever conducted. To ensure that the “real world” population of patients with depression was represented, STAR*D used minimal exclusion criteria.


Tratto da:psypost.org- Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni