Pubblicità

Antidepressivi, rischi nei primi mesi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 294 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Nei pazienti giovani e nei primi due mesi di terapia il trattamento con farmaci antidepressivi può aumentare il rischio di comportamenti suicidi. A queste conclusioni è giunto l'ente statunitense di controllo sulla commercializzazione dei farmaci, la Food and Drug Administration (FDA), che ha invitato tutte le case produttrici di antidepressivi ad aggiornare i foglietti illustrativi con l'avvertenza che, nei pazienti giovani (di età compresa tra i 18 e i 24 anni), l'ideazione ed il comportamento suicida possono peggiorare nelle fasi iniziali del trattamento. L'aggiornamento attuale, proposto dalla FDA all'inizio di maggio, va ad integrare quello di due anni fa, che avvertiva dell'aumentato rischio di suicidio nei bambini e negli adolescenti in terapia antidepressiva.

Le case farmaceutiche, cui è stato dato un mese di tempo per adeguare i foglietti illustrativi, sono state anche invitate a fornire materiale informativo per pazienti e familiari ("guide alla medicazione"). L'iniziativa della FDA nasce da una ricerca, avviata nel 2005, che ha coinvolto più di settantasettemila pazienti trattati con antidepressivi. La Consulta sugli psicofarmaci della FDA, responsabile del provvedimento, sottolinea però che la depressione non curata presenta di per sé un elevato rischio di suicidio, e Steven Galson, direttore del Centro per la valutazione e la ricerca sui farmaci della FDA, pur riconoscendo la necessità di informare correttamente medici e pazienti dei possibili rischi, esorta le persone che assumono antidepressivi a non abbandonare il trattamento.

Tratto da "La repubblica.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni