Pubblicità

Anziani: in pensione per godersi la vita

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 224 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli ultracentenari sono 7.100 in Italia e oltre 200 mila nel mondo. Vite che si allungano e anni vissuti, nella maggior parte dei casi, in buono stato di salute. I 14 milioni di ultra60enni italiani non sono infatti persone stanche, ma cittadini attivi, che vedono la pensione come una fase in cui godersi la vita. Preoccupati, però, che la società non dia loro le opportunità di dimostrare le loro potenzialità e li abbandoni in caso di malattia.

È quanto emerso dal sondaggio Censis-Salute/Repubblica, presentato oggi (3 marzo) a Roma in occasione del convegno su “Terza età, un mondo da scoprire e una risorsa da valorizzare”, organizzato da Salute/Repubblica e Somedia.

Secondo il sondaggio, presentato dal direttore del Censis Giuseppe Roma, il 60,0% degli anziani italiani considera l’allungamento della vita una vera “opportunità” e quando si parla di pensione il 58,2% degli ultra60enni ritiene questa tappa positiva, perchè permette di godersi la vita senza la frenesia e gli obblighi del lavoro. Il 20,1% dei signori in età pensionabile, tuttavia, ha paura di essere isolato e rimanere in uno stato di inattività. Secondo il 51,2% degli intervistati, infatti, per vivere serenamente la propria vecchiaia bisogna anzitutto tenersi occupati. Tra le occupazioni, però, il lavoro conquista solo il 2,4% delle preferenze; ciò che sembra contare davvero per una buona qualità della vita sono le relazioni interpersonali: la famiglia anzitutto (67,2% delle preferenze), il dialogo con i giovani e i nipoti (46,1%), frequentare degli amici (25,7%); ma anche sentirsi utili (15,4%) e magari avere impegni sociali (12,8%).

Tratto da Google News - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni