Pubblicità

APA CALLS FOR REDUCTION OF VIOLENCE IN INTERACTIVE MEDIA USED BY CHILDREN AND ADOLESCENTS

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 210 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Based on an examination of the research that shows the negative influences of violence in interactive media on youth, the American Psychological Association (APA) today adopted a resolution recommending that all violence be reduced in video games and interactive media marketed to children and youth. Additionally, the APA also encourages parents, educators and health care providers to help youth make more informed choices about which games to play. The policy decision, made by the APA Council of Representatives, was adopted at the recommendation of a special Committee on Violence in Video Games and Interactive Media of the Media Psychology Division of APA, which reviewed the research indicating that exposure to violence in video games increases aggressive thoughts, aggressive behavior, and angry feelings among youth. In addition, this exposure reduces helpful behavior and increases physiological arousal in children and adolescents.

Research on media violence also revealed, that perpetrators go unpunished 73 percent of the time in all violent scenes. “Showing violent acts without consequences teach youth that violence is an effective means of resolving conflict. Whereas, seeing pain and suffering as a consequence can inhibit aggressive behavior”, says psychologist Elizabeth Carll, PhD, co-chair of the Committee on Violence in Video Games and Interactive Media.

Studies on learning also show that active participation may influence learning more than passive observation. “Violence in video games appear to have similar negative effects as viewing violence on TV, but may be more harmful because of the interactive nature of video games," says Dr. Elizabeth Carll, who is a private practitioner in New York and a past president of the Media Division of APA. “Playing video games involves practice, repetition, and being rewarded for numerous acts of violence, which may intensify the learning. This may also result in more realistic experiences which may potentially increase aggressive behavior,” added Carll.

tratto da APA.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni