Pubblicità

Aree cerebrali alterate durante l'ipnosi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1729 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'ipnosi produce cambiamenti in diverse aree del cervello

ipnosiIl potere dell' ipnosi può alterare la mente e il corpo grazie a cambiamenti in alcune aree specifiche del cervello

In effetti, si tratta di un mezzo molto potente che permette di alterare la mente e la  percezione del corpo.

I ricercatori di Stanford, attraverso diversi studi di neuroimaging condotti su soggetti in "stato di trance", sono stati in grado di valutare i cambiamenti neurali associati all'utilizzo di tale tecnica.

Il lavoro è avvenuto attraverso la  scansione  del cervello di 57 persone durante le sessioni di ipnosi; scopo principale:  individuare gli effetti dell'ipnosi sul dolore, sulla visione e altre forme di percezione.

Come afferma, l'autore dello studio, David Spiegel, ora si sa con certezza quali sono le  regioni del cervello coinvolte nel processo ipnotico, quindi è possibile applicare tale tecnica  per il trattamento del dolore e  altri disturbi.

Nonostante, però, ci sia stato un crescente apprezzamento dell'utilizzo di tale tecnica nell'ambito clinico, si sa ben poco rispetto a come quest'ultima funzioni a  livello fisiologico.

Nel seguente studio i ricercatori hanno cercato prima di identificare le persone "altamente ipnotizzabili" rispetto a soggetti  che sono meno in grado di entrare in uno stato di trance ipnotico.

Successivamente è stato osservato  il cervello di questi 57 partecipanti, attraverso l'utilizzo della risonanza magnetica funzionale (strumento che misura l'attività cerebrale individuando i diversi cambiamenti nel flusso sanguigno) in tutte le fasi dell'ipnosi.

Spiegel e colleghi hanno scoperto tre caratteristiche del cervello sotto l'effeto ipnotico; ogni cambiamento è stato osservato solo nel gruppo di persone altamente ipnotizzabili e solo mentre erano in fase di ipnosi.

In primo luogo, è stato possibile osservare  una diminuzione delle attività in una zona cerebrale chiamata cingolo dorsale anteriore. Tale area permette di rilassarsi  senza preoccuparsi della realtà circostante.

In secondo luogo, è stato possibile osservare  un aumento delle connessioni tra altre due aree del cervello - la corteccia prefrontale dorsolaterale e insula; tale attivazione è stata descritta come un collegamento cervello-corpo che aiuta il processo di controllo del cervello rispetto a ciò che succede nel corpo.

Infine, la squadra di Spiegel ha osservato anche connessioni ridotte tra  corteccia prefrontale dorsolaterale, prefrontale mediale e la corteccia cingolata posteriore.

Questa diminuzione della connettività funzionale probabilmente rappresenta uno scollamento tra le azioni di qualcuno e la consapevolezza delle loro azioni.

Come afferma lo stesso Spiegel, durante l'ipnosi, si verifica un  tipo di dissociazione tra l'azione e la riflessione che permette alla persona di impegnarsi in attività suggerite dal medico o auto-suggerite senza attivare risorse mentali sulla consapevolezza circa l'attività svolta.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: mente dolore cervello percezione ipnosi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Relazione a distanza (15648262…

sara, 22 Salve, avrei un problema che mi blocca da giorni e vorrei un consiglio. Io e il mio ragazzo abbiamo una relazione a distanza da circa un anno (io it...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

News Letters

0
condivisioni