Pubblicità

Aree cerebrali alterate durante l'ipnosi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1843 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'ipnosi produce cambiamenti in diverse aree del cervello

ipnosiIl potere dell' ipnosi può alterare la mente e il corpo grazie a cambiamenti in alcune aree specifiche del cervello

In effetti, si tratta di un mezzo molto potente che permette di alterare la mente e la  percezione del corpo.

I ricercatori di Stanford, attraverso diversi studi di neuroimaging condotti su soggetti in "stato di trance", sono stati in grado di valutare i cambiamenti neurali associati all'utilizzo di tale tecnica.

Il lavoro è avvenuto attraverso la  scansione  del cervello di 57 persone durante le sessioni di ipnosi; scopo principale:  individuare gli effetti dell'ipnosi sul dolore, sulla visione e altre forme di percezione.

Come afferma, l'autore dello studio, David Spiegel, ora si sa con certezza quali sono le  regioni del cervello coinvolte nel processo ipnotico, quindi è possibile applicare tale tecnica  per il trattamento del dolore e  altri disturbi.

Nonostante, però, ci sia stato un crescente apprezzamento dell'utilizzo di tale tecnica nell'ambito clinico, si sa ben poco rispetto a come quest'ultima funzioni a  livello fisiologico.

Nel seguente studio i ricercatori hanno cercato prima di identificare le persone "altamente ipnotizzabili" rispetto a soggetti  che sono meno in grado di entrare in uno stato di trance ipnotico.

Successivamente è stato osservato  il cervello di questi 57 partecipanti, attraverso l'utilizzo della risonanza magnetica funzionale (strumento che misura l'attività cerebrale individuando i diversi cambiamenti nel flusso sanguigno) in tutte le fasi dell'ipnosi.

Spiegel e colleghi hanno scoperto tre caratteristiche del cervello sotto l'effeto ipnotico; ogni cambiamento è stato osservato solo nel gruppo di persone altamente ipnotizzabili e solo mentre erano in fase di ipnosi.

In primo luogo, è stato possibile osservare  una diminuzione delle attività in una zona cerebrale chiamata cingolo dorsale anteriore. Tale area permette di rilassarsi  senza preoccuparsi della realtà circostante.

In secondo luogo, è stato possibile osservare  un aumento delle connessioni tra altre due aree del cervello - la corteccia prefrontale dorsolaterale e insula; tale attivazione è stata descritta come un collegamento cervello-corpo che aiuta il processo di controllo del cervello rispetto a ciò che succede nel corpo.

Infine, la squadra di Spiegel ha osservato anche connessioni ridotte tra  corteccia prefrontale dorsolaterale, prefrontale mediale e la corteccia cingolata posteriore.

Questa diminuzione della connettività funzionale probabilmente rappresenta uno scollamento tra le azioni di qualcuno e la consapevolezza delle loro azioni.

Come afferma lo stesso Spiegel, durante l'ipnosi, si verifica un  tipo di dissociazione tra l'azione e la riflessione che permette alla persona di impegnarsi in attività suggerite dal medico o auto-suggerite senza attivare risorse mentali sulla consapevolezza circa l'attività svolta.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: mente dolore cervello percezione ipnosi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni