Pubblicità

Asma e clima famigliare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 631 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.81 - 14.10.2001

I bambini che vivono in famiglie dove il clima emotivo è armonioso sono meno colpiti dai sintomi dell'asma rispetto ai coetanei provenienti da famiglie altamente conflittuali ed instabili. Questi i risultati di uno studio condotto recentemente da un team guidato dal prof. Michael Sawyer, docente di Psichiatria presso la Adelaide University (Australia).
La componente psichica del disturbo asmatico nel bambino è stata riconosciuta da lungo tempo, insieme alla presenza di una predisposizione all'insorgenza di meccanismi di natura allergica che forniscono la base organica alla stabilizzazione del disturbo. Le componenti psichiche sembrano determinanti soprattutto in quei casi dove i sintomi asmatici compaiono in seguito a traumi affettivi e che mostrano un andamento caratteristico che risente di acutizzazioni cicliche in condizioni stereotipate particolari, non direttamente collegate all'aspetto allergenico.
"L'asma infantile è un disturbo di natura psicosomatica che interessa tutto il contesto famigliare del bambino - dice il dr. Sawyer - poiché è la qualità stessa del rapporto interpersonale tra i membri della famiglia che genera un clima emotivo particolare che può, in casi di maggiore conflittualità reciproca, tensione ed aggressività, determinare le condizioni che portano i soggetti più vulnerabili a sviluppare il sintomo asmatico. L'aspetto nuovo di questa ricerca consiste essenzialmente nel fatto che i dati informativi circa la qualità della vita in famiglia sono stati reperiti direttamente dai bambini con problematiche di asma cronicizzata, mentre in passato solitamente venivano utilizzate informazioni provenienti dai loro genitori o dai clinici che seguivano il caso…".
La ricerca ha inoltre evidenziato che i bambini che vivono in famiglie dove c'è un reciproco interesse e supporto tra i membri ed uno scambio affettivo ed emotivo costanti sono quelli che reagiscono meglio ai sintomi asmatici, mentre i bambini che vivono in famiglie affettivamente carenti sviluppano una sintomatologia più intensa e spesso associata ad altri aspetti quali una facile irritabilità e sentimenti di timore verso gli altri.
"Affrontare questo disturbo dal punto di vista dell'intero gruppo famigliare e delle sue dinamiche conflittuali - conclude Sawyer - può avere quindi un ruolo fondamentale nel trattamento dei bambini sofferenti di asma…".

(tratto da:"Asthma Affected by Family Environment" - Australasian Science - Sept., 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni