Pubblicità

Attacchi di panico in volo, esiste una cura

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 559 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Non c'è solo la crisi economica a frenare la voglia di viaggi e vacanze: due milioni di italiani, con un rapporto di tre donne per ogni uomo, hanno paura di mettersi in viaggio a causa degli attacchi di panico. Il disturbo si manifesta più spesso sull'aereo, facilitato dalla forte presenza di anidride carbonica, che si conferma l'imputata principale degli attacchi.

Secondo un sondaggio condotto fra i telespettatori del Tg2, il 46% ha ammesso di avere paura di volare, e ben il 43% rinuncia addirittura al viaggio pur di non salire sull'aereo.

Ma il problema oggi può essere curato. «Esistono», spiega il neurologo Rosario Sorrentino dell'Unità italiana attacchi di panico della Clinica Paideia di Roma, «terapie mirate, soprattutto farmacologiche, ma anche una psicoterapia cognitiva comportamentale, utili sia a chi vive il volo con ansia e forte apprensione sia a chi rifiuta l'aereo in modo ostinato».

tratto da SaniHelp - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni