Pubblicità

«Awake surgery»: operare il cervello di un paziente sveglio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 251 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO – Si chiama awake surgery, neurochirurgia a paziente sveglio. Una tecnica difficile e che certo fa impressione, ma d’importanza cruciale in alcuni casi. L’hanno utilizzata nei giorni scorsi i neurochirurghi dell’ospedale Bellaria di Bologna che hanno eseguito una craniotomia con rimozione di un tumore cerebrale su di un malato cosciente. «La lesione è stata asportata completamente evitando la compromissione di altre aree sane del cervello..

 

..come quelle che comandano i movimenti e il linguaggio», spiegano dall’Azienda bolognese.
L’intervento, concluso con successo in cinque ore, è stato articolato in tre fasi: la prima, preparatoria, in anestesia generale; poi la rimozione del tumore con il paziente sveglio, durante la quale i medici hanno chiesto di eseguire semplici movimenti e di pronunciare qualche parola; infine, nella fase conclusiva il malato è stato addormentato nuovamente.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni