Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Babies Use Their Own Names to Help Learn Language

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 310 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
A baby's understanding of language may begin with its own name, which a baby uses to break sentences into smaller parts so it can learn other words, according to new research by Texas A&M University psychologist Heather Bortfeld, who studies language development in infants and children. Bortfeld's research, which appears in the upcoming April issue of Psychological Science , shows that babies use familiar words such as their names as a sort of "anchor" into the speech stream. A baby as young as six months can learn to recognize an individual word that follows its own name, even after hearing both words as part of whole sentences, says Bortfeld who worked with colleagues from Brown University and the University of Delaware.

"Recognition drives segmentation of the speech stream, and segmentation is a critical step in learning a language," Bortfeld explains. "We know from previous research that babies are recognizing their names in fluent speech by the age of six months, so we hypothesized that they should be able to use that recognition to segment the speech stream and recognize new words."

Much in the same way a person might have difficulty understanding a foreign language because it's hard to tell where one word starts and another begins, babies face a similar challenge in learning language. Bortfeld's research shows babies can begin to discern the beginnings and endings of words that follow their names, meaning their names form a foundation for learning language.

In what can be described as a "popping out" pattern, Bortfeld explains, one familiar word can allow a baby to pick out another word, and that newly familiar word may allow a baby to learn words that follow it.

tratto da APS - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Confusione (1526846650743)

celine, 15     Ciao, scrivo qui perchè ultimamente mi sento strana. Tutto intorno a me è così confuso, ovunque io vada mi sento molto triste: ho...

Ho bisogno di aiuto (152681685…

NICOLE, 18     Salve, so molto bene che questa mia richiesta possa essere scartata per le motivazioni sopra riportate, ma ci provo lo stesso. ...

Elaborazione del lutto (152630…

paola, 50     Buongiorno, scrivo per ricevere un buon consiglio riguardo una situazione delicata. Il fidanzato di mia figlia frequenta l'universi...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni