Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Babies Use Their Own Names to Help Learn Language

on . Postato in News di psicologia | Letto 280 volte

A baby's understanding of language may begin with its own name, which a baby uses to break sentences into smaller parts so it can learn other words, according to new research by Texas A&M University psychologist Heather Bortfeld, who studies language development in infants and children. Bortfeld's research, which appears in the upcoming April issue of Psychological Science , shows that babies use familiar words such as their names as a sort of "anchor" into the speech stream. A baby as young as six months can learn to recognize an individual word that follows its own name, even after hearing both words as part of whole sentences, says Bortfeld who worked with colleagues from Brown University and the University of Delaware.

"Recognition drives segmentation of the speech stream, and segmentation is a critical step in learning a language," Bortfeld explains. "We know from previous research that babies are recognizing their names in fluent speech by the age of six months, so we hypothesized that they should be able to use that recognition to segment the speech stream and recognize new words."

Much in the same way a person might have difficulty understanding a foreign language because it's hard to tell where one word starts and another begins, babies face a similar challenge in learning language. Bortfeld's research shows babies can begin to discern the beginnings and endings of words that follow their names, meaning their names form a foundation for learning language.

In what can be described as a "popping out" pattern, Bortfeld explains, one familiar word can allow a baby to pick out another word, and that newly familiar word may allow a baby to learn words that follow it.

tratto da APS - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters