Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Babies Use Their Own Names to Help Learn Language

on . Postato in News di psicologia | Letto 263 volte

A baby's understanding of language may begin with its own name, which a baby uses to break sentences into smaller parts so it can learn other words, according to new research by Texas A&M University psychologist Heather Bortfeld, who studies language development in infants and children. Bortfeld's research, which appears in the upcoming April issue of Psychological Science , shows that babies use familiar words such as their names as a sort of "anchor" into the speech stream. A baby as young as six months can learn to recognize an individual word that follows its own name, even after hearing both words as part of whole sentences, says Bortfeld who worked with colleagues from Brown University and the University of Delaware.

"Recognition drives segmentation of the speech stream, and segmentation is a critical step in learning a language," Bortfeld explains. "We know from previous research that babies are recognizing their names in fluent speech by the age of six months, so we hypothesized that they should be able to use that recognition to segment the speech stream and recognize new words."

Much in the same way a person might have difficulty understanding a foreign language because it's hard to tell where one word starts and another begins, babies face a similar challenge in learning language. Bortfeld's research shows babies can begin to discern the beginnings and endings of words that follow their names, meaning their names form a foundation for learning language.

In what can be described as a "popping out" pattern, Bortfeld explains, one familiar word can allow a baby to pick out another word, and that newly familiar word may allow a baby to learn words that follow it.

tratto da APS - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters