Pubblicità

Bada a come parli su Facebook, una app dirà chi sei

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 551 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È passata una settimana da quando Facebook ha annunciato a Ad Age che presto comincerà a pedinare gli utenti anche al di fuori dei confini virtuali del social network grazie all'onnipresente pulsante “like” incistato in centinaia di migliaia di siti. Non ci sarà neanche bisogno di pigiarlo, il pulsante, ma Facebook saprà (in effetti sa già) che tu hai visitato quella certa pagina e che dunque ti potrebbe interessare quel certo prodotto la cui immagine ti comparirà “magicamente” mentre aggiorni il tuo status o posti la foto del tuo cagnolino. 
È passata una settimana e non si può dire che ci sia stato gran rumore intorno a questo ennesimo attacco alla privacy da parte di Mark Zuckerberg & co. (con l'eccezione di Julie Angwin che su Pro Publica ha ricostruito passo dopo passo il progressivo estendersi delle tecniche ficcanaso di Facebook).


Tratto da www.pagina99.it - Prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni