Pubblicità

Balbuzie: così si liberano le parole

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 532 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se non proprio ironia, almeno imbarazzo. «È la reazione di chi ci sente incespicare sulle parole. Non godiamo di alcun beneficio di legge e non abbiamo neppure la dignità dei disabili. Siamo dei dimenticati» spiega Piero Pierotti, presidente dell'A.I.BA.COM, Associazione italiana per la balbuzie e la comunicazione.

La balbuzie non è associata ad alcun particolare tratto di personalità ma in realtà, il balbuziente sa perfettamente quello che vuole dire, ma non riesce a dirlo. Se è vero che su cinque bambini che balbettano, quattro smetteranno spontaneamente, al massimo entro cinque anni dall'insorgenza della malattia, è anche vero che è assurdo ritardare le cure per quelli destinati ad evolvere verso una forma cronica: più passano gli anni, più cala la plasticità del cervello. La cura non punta a far diventare parlanti "perfetti", quanto a essere in grado comunque di parlare in pubblico, di esprimere le proprie idee». Importante è che la persona comprenda che ha ottenuto dei risultati grazie al proprio impegno più che al terapista, solo così i miglioramenti saranno duraturi.

Tratto da "Corriere.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni