Pubblicità

Balbuzie: così si liberano le parole

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 360 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se non proprio ironia, almeno imbarazzo. «È la reazione di chi ci sente incespicare sulle parole. Non godiamo di alcun beneficio di legge e non abbiamo neppure la dignità dei disabili. Siamo dei dimenticati» spiega Piero Pierotti, presidente dell'A.I.BA.COM, Associazione italiana per la balbuzie e la comunicazione.

La balbuzie non è associata ad alcun particolare tratto di personalità ma in realtà, il balbuziente sa perfettamente quello che vuole dire, ma non riesce a dirlo. Se è vero che su cinque bambini che balbettano, quattro smetteranno spontaneamente, al massimo entro cinque anni dall'insorgenza della malattia, è anche vero che è assurdo ritardare le cure per quelli destinati ad evolvere verso una forma cronica: più passano gli anni, più cala la plasticità del cervello. La cura non punta a far diventare parlanti "perfetti", quanto a essere in grado comunque di parlare in pubblico, di esprimere le proprie idee». Importante è che la persona comprenda che ha ottenuto dei risultati grazie al proprio impegno più che al terapista, solo così i miglioramenti saranno duraturi.

Tratto da "Corriere.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni