Pubblicità

Bambini e tv

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 594 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.81 - 14.10.2001

I bambini che guardano la tv per circa due ore al giorno raggiungono migliori risultati scolastici. Questo dato, riportato dal londinese Sunday Times, rileva infatti che i bambini in età prescolastica di età compresa tra i due ed i tre anni che guardano quotidianamente la tv per almeno due ore al giorno mostrano risultati migliori del 10% in capacità di lettura, vocabolario e matematica rispetto ai coetanei che non la guardano. La dr.ssa Aletta Houston, docente di psicologia evolutiva presso l'Università del Texas, è l'autrice dello studio: "I bambini potrebbero apprendere molto attraverso questi canali in termini di sviluppo cognitivo e della socializzazione, ma è necessario che i genitori vigilino e scelgano quali programmi far seguire ai propri figli in base alle loro capacità di comprensione… La tv permette ai bambini anche molto piccoli di iniziare a conoscere il mondo e fornisce loro dei primi strumenti cognitivi per adattarsi con successo al contesto socioculturale.. E' chiaro però che i bambini devono guardare programmi che siano alla loro portata, altrimenti la tv diventa per loro solo un fastidioso rumore di fondo privo di interesse…".

L'impatto positivo della televisione sembra declinare con l'età, e già per i bambini di oltre 4 anni il tempo in più passato davanti alla tv non produce un aumento sensibile delle capacità cognitive e delle abilità intellettive misurabili. All'opposto, i bambini che guardano la tv per oltre 16 ore settimanali con programmi non appropriati alla loro età mostrano in confronto una diminuzione di tali capacità. In particolare, i dati riportano che i ragazzi inglesi di età compresa tra i 4 ed i 15 anni guardano la tv in media per un tempo complessivo di circa 18 ore settimanali.

(tratto da: "TV-watching toddlers are more switched on" - Deutsche Presse-Agentur (dpa) -Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni