Pubblicità

Bambini e tv

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 475 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.81 - 14.10.2001

I bambini che guardano la tv per circa due ore al giorno raggiungono migliori risultati scolastici. Questo dato, riportato dal londinese Sunday Times, rileva infatti che i bambini in età prescolastica di età compresa tra i due ed i tre anni che guardano quotidianamente la tv per almeno due ore al giorno mostrano risultati migliori del 10% in capacità di lettura, vocabolario e matematica rispetto ai coetanei che non la guardano. La dr.ssa Aletta Houston, docente di psicologia evolutiva presso l'Università del Texas, è l'autrice dello studio: "I bambini potrebbero apprendere molto attraverso questi canali in termini di sviluppo cognitivo e della socializzazione, ma è necessario che i genitori vigilino e scelgano quali programmi far seguire ai propri figli in base alle loro capacità di comprensione… La tv permette ai bambini anche molto piccoli di iniziare a conoscere il mondo e fornisce loro dei primi strumenti cognitivi per adattarsi con successo al contesto socioculturale.. E' chiaro però che i bambini devono guardare programmi che siano alla loro portata, altrimenti la tv diventa per loro solo un fastidioso rumore di fondo privo di interesse…".

L'impatto positivo della televisione sembra declinare con l'età, e già per i bambini di oltre 4 anni il tempo in più passato davanti alla tv non produce un aumento sensibile delle capacità cognitive e delle abilità intellettive misurabili. All'opposto, i bambini che guardano la tv per oltre 16 ore settimanali con programmi non appropriati alla loro età mostrano in confronto una diminuzione di tali capacità. In particolare, i dati riportano che i ragazzi inglesi di età compresa tra i 4 ed i 15 anni guardano la tv in media per un tempo complessivo di circa 18 ore settimanali.

(tratto da: "TV-watching toddlers are more switched on" - Deutsche Presse-Agentur (dpa) -Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni