Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bambini e tv

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 439 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n.81 - 14.10.2001

I bambini che guardano la tv per circa due ore al giorno raggiungono migliori risultati scolastici. Questo dato, riportato dal londinese Sunday Times, rileva infatti che i bambini in età prescolastica di età compresa tra i due ed i tre anni che guardano quotidianamente la tv per almeno due ore al giorno mostrano risultati migliori del 10% in capacità di lettura, vocabolario e matematica rispetto ai coetanei che non la guardano. La dr.ssa Aletta Houston, docente di psicologia evolutiva presso l'Università del Texas, è l'autrice dello studio: "I bambini potrebbero apprendere molto attraverso questi canali in termini di sviluppo cognitivo e della socializzazione, ma è necessario che i genitori vigilino e scelgano quali programmi far seguire ai propri figli in base alle loro capacità di comprensione… La tv permette ai bambini anche molto piccoli di iniziare a conoscere il mondo e fornisce loro dei primi strumenti cognitivi per adattarsi con successo al contesto socioculturale.. E' chiaro però che i bambini devono guardare programmi che siano alla loro portata, altrimenti la tv diventa per loro solo un fastidioso rumore di fondo privo di interesse…".

L'impatto positivo della televisione sembra declinare con l'età, e già per i bambini di oltre 4 anni il tempo in più passato davanti alla tv non produce un aumento sensibile delle capacità cognitive e delle abilità intellettive misurabili. All'opposto, i bambini che guardano la tv per oltre 16 ore settimanali con programmi non appropriati alla loro età mostrano in confronto una diminuzione di tali capacità. In particolare, i dati riportano che i ragazzi inglesi di età compresa tra i 4 ed i 15 anni guardano la tv in media per un tempo complessivo di circa 18 ore settimanali.

(tratto da: "TV-watching toddlers are more switched on" - Deutsche Presse-Agentur (dpa) -Oct. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Insicurezza e bassa autostima …

Lau, 26     Buongiorno, fin da quando ero piccola ho sempre avuto una scarsa autostima e questo mi ha portato sicuramente ad essere sempre indeci...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni