Pubblicità

Bambini iperattivi: sotto accusa il cortisolo materno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 418 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PSICONLINE® NEWS n. 76 - 9.9.2001

Secondo uno studio recente riportato dal British Journal of Psychiatry, le preoccupazioni e gli stati ansiosi delle madri durante le ultime settimane di gravidanza possono aumentare la probabilità che i nascituri sviluppino una tendenza all'iperattività; dai dati ottenuti si è infatti rilevato che le donne incinte considerate ansiose presentavano infatti una percentuale maggiore del 50% rispetto alle altre di avere bambini con tendenza a quei disturbi del comportamento che rientrano nell'ambito della condotta infantile iperattiva. Si è inoltre rilevato che sono i bambini maschi a presentare maggiormente questo tipo di disturbo, mentre le femmine sembrano essere più soggette a problematiche di natura emotiva. La ricerca, effettuata nella regione dell'Avon in Inghilterra da un team di studio esperto in tematiche di psicobiologia perinatale capeggiato dalla dr.ssa Vivette Glover dell'Imperial College di Londra, è iniziata negli scorsi anni (dall'Aprile 1991 al Dicembre 1992) quando , ad un campione di oltre 7000 donne negli ultimi mesi di gravidanza, furono dati dei questionari per misurare il livello di stress soggettivo; fu individuato così un 15% di gestanti definibili come soggetti ansiosi. Dopo circa 4 anni furono invece sottoposti ad indagine psicologica i loro figli per vedere se si fossero sviluppate in loro problematiche del comportamento ed altre caratteristiche del disturbo da iperattività.

La dr.ssa Glover ha ipotizzato che alla base del legame tra gli stati ansiosi riscontrati nelle future madri e lo sviluppo di sintomi di iperattività nei figli negli anni successivi ci sia soprattutto un fattore di natura chimica, mentre non inciderebbero direttamente altri fattori di natura ambientale più complessa, come per esempio la cattiva qualità delle cure materne ed il particolare rapporto madre-figli. In tal senso, l'ormone direttamente implicato nello sviluppo delle future problematiche comportamentali sarebbe il cortisolo, anche chiamato "l'ormone dello stress" per il fatto che la sua presenza in quantità superiori alla norma è stata più volte riscontrata in studi precedenti nei processi che implicano attività stressanti e stati di ansia prolungati.

I ricercatori hanno quindi ipotizzato che il cortisolo presente in quantità maggiore nelle madri stressate possa più facilmente attraversare la barriera placentare ed influire direttamente sulle cellule cerebrali del feto determinandone alcune alterazioni funzionali; d'altronde, precedenti studi condotti da un'ottica organicistica sull'argomento hanno già proposto che i prolungati stati di ansia delle gestanti possano causare una riduzione del flusso sanguigno nella zona uterinica con una conseguente diminuzione della quantità di ossigeno sanguigno diretta al feto.

(tratto da: "Hyperactive kids born from anxiety " - Netdoctor.co.uk - September 1, 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni