Pubblicità

Bambini, le voci conosciute migliorano le capacità di linguaggio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 346 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ascoltandole i ragazzi riescono a ripetere meglio parole già note

Quando ci si trova in una stanza affollata è più facile capire le parole del proprio interlocutore se si tratta di una voce conosciuta.
Questo fenomeno può essere utile anche per migliore le capacità di linguaggio dei bambini.
A suggerirlo è uno studio pubblicato sul Journal of Child Language da Susannah Levi, esperta della Steinhardt School of Culture, Education, and Human Development della New York University, che ha svelato che anche i ragazzi in età scolare riescono a processare e a capire meglio le parole quando vengono pronunciate da una voce conosciuta.
I test condotti da Levi hanno coinvolto 41 bambini tra i 7 e i 12 anni. Dopo aver valutato le loro capacità di linguaggio la ricercatrice ha analizzato se migliorassero ascoltando ripetere parole già note o parole nuove da voci familiari o da voci sconosciute. “

 

Tratto da salute24.ilsole24ore.com Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

News Letters

0
condivisioni