Pubblicità

Bibite eccitanti 'rubano' un'ora a notte a bambini italiani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 446 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Bambini e adolescenti italiani privati in media di un'ora di sonno a notte, per colpa di cattive abitudini tutte moderne. Negli anni i nostri piccoli hanno perso in media un'ora di riposo, soprattutto a causa del consumo di bibite dolci stimolanti a base di caffeina, fin dalla tenera età. A lanciare l'allarme è Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Psichiatria dell'Ospedale Fatebenefratelli-Oftalmico di Milano, nel corso di un incontro su sonno e umore nel capoluogo lombardo. Un'ora rubata al riposo a queste età puo rivelarsi un fattore importante, una sorta di miccia per le patologie dell'umore, assicura l'esperto. Insomma, i bambini che finiscono per andare a letto tardi, svegliarsi spesso o non dormire a sufficienza, rischiano di pagare cara la mancanza di riposo. A rubare il sonno ai giovanissimi non sono solo le bibite, ma diverse cattive abitudini spesso molto diffuse: come la mancanza di orari nel riposo, l'alimentazione sbagliata, la presenza della tv nella cameretta.

Ma allora cosa fare per difendere il sonno di bambini e adolescenti? E' basilare limitare al massimo il consumo di bevande eccitanti fino agli 11-12 anni - raccomanda - men che mai la sera. Occhio anche a thè e alimenti dagli effetti stimolanti, come la cioccolata, prima di andare a letto.

tratto da Yahoo.it - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

News Letters

0
condivisioni