Pubblicità

Binge drinkers state attenti, la Drunkoressia sta chiamando.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 491 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Circa 1 studentessa su 3 riferisce di aver risparmiato calorie per episodi di abbuffata alcolica.

Binge drinkers state attenti la Drunkoressia sta chiamando

Mojito, appletini o un semplice bicchiere di fizz - possono ridurre lo stress di una giornata intensa, ma se ti ritrovi ad abbuffarti per più di un paio di occasioni, potresti mettere a rischio la tua salute fisica e mentale secondo una nuova ricerca della University of South Australia.

Esaminando i modelli di consumo di 479 studentesse universitarie australiane di età compresa tra 18 e 24 anni, il primo studio empirico al mondo ha esplorato i modelli di convinzioni sottostanti che possono contribuire alla Drunkoressia - un comportamento dannoso e pericoloso in cui patterns alimentari disordinati vengono utilizzati per compensare gli effetti negativi del consumo eccessivo di alcol, come l’aumento di peso.

In modo preoccupante, i ricercatori hanno scoperto che negli ultimi tre mesi uno sconcertante 82,7 per cento delle studentesse universitarie intervistate aveva assunto comportamenti drunkoressici. Inoltre, oltre il 28% stava saltando regolarmente e di proposito i pasti, consumando bevande alcoliche a basso contenuto calorico o senza zucchero, attuando comportamenti purgativi (purging) o facendo esercizio fisico dopo aver bevuto per ridurre le calorie ingerite con l’alcol, almeno il 25% delle volte.
La psicologa clinica e ricercatrice principale Alycia Powell-Jones afferma che la prevalenza dei comportamenti drunkoressici tra le studentesse universitarie australiane è preoccupante.

"A causa della loro età e stadio di sviluppo, i giovani adulti hanno maggiori probabilità di assumere comportamenti a rischio, che possono includere il consumo eccessivo di alcol", afferma Powell-Jones.
Il consumo eccessivo di alcol combinato con schemi alimentari restrittivi e disordinati è estremamente pericoloso e può aumentare notevolmente il rischio di sviluppare gravi conseguenze fisiche e psicologiche, tra cui ipoglicemia, cirrosi epatica, deficit nutrizionali, danni al cervello e al cuore, perdite di memoria, blackout, depressione e deficit cognitivi”.

"Certamente, molti di noi hanno bevuto troppo alcool in qualche occasione, e sappiamo come ci sentiamo il giorno dopo, che questo non è un bene per noi, ma quando quasi un terzo delle giovani studentesse universitarie stanno intenzionalmente tagliando il cibo esclusivamente per compensare le calorie dell'alcool, è una seria preoccupazione per la salute ".

L'uso dannoso di alcol è un problema globale, con un consumo eccessivo che causa milioni di morti, tra cui molte migliaia di giovani vite.

In Australia, una persona su sei consuma alcolici a livelli pericolosi, mettendo a rischio la vita per malattia o incidenti correlati all'alcol.
La combinazione di un'eccessiva assunzione di alcol con comportamenti alimentari restrittivi per compensare le calorie può provocare un cocktail altamente tossico per questa popolazione.

Pubblicità

Lo studio è stato condotto in due fasi. Il primo ha misurato la prevalenza di attività auto-segnalate, compensative e restrittive in relazione al loro consumo di alcol.

La seconda fase ha identificato i "Early Maladaptive Schemes (EMS)" dei partecipanti - o modelli di pensiero - scoprendo che il sottoinsieme di schemi più predittivi di Drunkoressia erano " scarso autocontrollo ", "privazione emotiva" e "isolamento sociale".

Powell-Jones afferma che identificare i primi schemi disadattivi collegati alla Drunkoressia sono la chiave per comprendere la condizione dannosa.

Questi sono temi profondi e pervasivi riguardanti se stessi e il proprio rapporto con gli altri, che possono svilupparsi durante l'infanzia e quindi influenzare tutti gli ambiti della vita, spesso in modi disfunzionali. I primi schemi disadattivi possono anche essere influenzati da norme culturali e sociali.

Il comportamento drunkoressico sembra essere motivato da due norme sociali chiave per i giovani adulti: consumo di alcol e magrezza. "Questo studio ha fornito spunti preliminari per una migliore comprensione del perché le giovani donne adulte prendano la decisione di attuare comportamenti drunkoressici", afferma Powell-Jones.
"Non solo può essere una strategia di coping per gestire le ansie sociali attraverso l'accettazione e l'adattamento alle aspettative dei gruppi di pari o delle culture, ma mostra anche la dipendenza da strategie di coping evitanti”.
"È importante che medici, educatori, genitori e amici siano consapevoli dei fattori che motivano le giovani donne a impegnarsi in questo comportamento dannoso e pericoloso, tra cui norme culturali, convinzioni che guidano l'autostima, un senso di appartenenza e connessione interpersonale".
"Essendo collegati, ricercatori e clinici possono sviluppare adeguati interventi clinici e supporto ai giovani vulnerabili nel settore della salute mentale giovanile".

Journal Reference:

  • Alycia Powell‐Jones, Susan Simpson. Drunkorexia: An investigation of symptomatology and early maladaptive schemas within a female, young adult Australian population. Australian Psychologist, 2020; DOI: 10.1111/ap.12462

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psicologia drunkoressia;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters

0
condivisioni