Pubblicità

Bionda e pericolosissima: davanti a lei gli uomini diventano stupidi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 332 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quando si trovano davanti ad una bionda, gli uomini diventano più stupidi di quello che normalmente sono: l'attività cerebrale diminuisce, il quoziente intellettivo scende, le capacità cognitive vengono in buona parte ibernate. Secondo il professor Thierry Meyer, docente di psicologia sociale all'università francese di Nanterre e co-autore di una ricerca in materia, il perché dell'arcano è facilmente spiegabile: nel mondo occidentale, in particolare in quello anglo-americano, è molto diffusa l'idea (le commedie di Marilyn Monroe hanno la loro parte di colpa) che le bionde siano poco sveglie. Con loro, quindi, dovrebbero sforzare la materia grigia.

La ricerca - annunciata oggi dal domenicale "Sunday Times" (che sull'argomento ha lanciato un amletico dibattito on line tra i lettori: "ma le bionde sono o no più cretine della media?") - è stata compiuta sottoponendo ad una serrata batteria di test d'intelligenza un campione di uomini dopo averli "esposti" a donne con capelli di diverso colore. La bionda - ecco cosa si è scoperto - paralizza al massimo l'intelletto del povero maschio, ma il sex appeal non c'entra: l'uomo - sostiene il prof. Meyer nella ricerca pubblicata sulle pagine della rivista "Journal of Experimental Psychology" - spegne il cervello quando incontra una donna con i capelli chiari semplicemente perché è vittima di uno "stereotipo sociale".

Tratto da "Ilmessagero.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

News Letters

0
condivisioni