Pubblicità

Bionda e pericolosissima: davanti a lei gli uomini diventano stupidi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 302 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quando si trovano davanti ad una bionda, gli uomini diventano più stupidi di quello che normalmente sono: l'attività cerebrale diminuisce, il quoziente intellettivo scende, le capacità cognitive vengono in buona parte ibernate. Secondo il professor Thierry Meyer, docente di psicologia sociale all'università francese di Nanterre e co-autore di una ricerca in materia, il perché dell'arcano è facilmente spiegabile: nel mondo occidentale, in particolare in quello anglo-americano, è molto diffusa l'idea (le commedie di Marilyn Monroe hanno la loro parte di colpa) che le bionde siano poco sveglie. Con loro, quindi, dovrebbero sforzare la materia grigia.

La ricerca - annunciata oggi dal domenicale "Sunday Times" (che sull'argomento ha lanciato un amletico dibattito on line tra i lettori: "ma le bionde sono o no più cretine della media?") - è stata compiuta sottoponendo ad una serrata batteria di test d'intelligenza un campione di uomini dopo averli "esposti" a donne con capelli di diverso colore. La bionda - ecco cosa si è scoperto - paralizza al massimo l'intelletto del povero maschio, ma il sex appeal non c'entra: l'uomo - sostiene il prof. Meyer nella ricerca pubblicata sulle pagine della rivista "Journal of Experimental Psychology" - spegne il cervello quando incontra una donna con i capelli chiari semplicemente perché è vittima di uno "stereotipo sociale".

Tratto da "Ilmessagero.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni