Pubblicità

Bisogno di accettazione sociale e dipendenza da Facebook

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 256 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Oltre un miliardo di persone usa Facebook per connettersi con gli altri e mantenere relazioni sociali. Ma una nuova ricerca suggerisce che il sito di social network può causare dipendenza per alcuni.

accettazione sociale

Uno studio pubblicato su Computers in Human Behavior ha rilevato che le persone che ritenevano di dover essere accettate socialmente per avere un valore come persona erano più a rischio di usare Facebook in modo compulsivo e disadattivo.

La ricerca precedente ha esaminato la relazione tra l'autostima e l'uso di Facebook. I ricercatori della Scuola di Psicologia di Baruch Ivcher hanno cercato di espandere il lavoro precedente esaminando contingenze di autostima, vale a dire le contingenze considerate come fonti primarie di autostima.

Queste contingenze sono l'accettazione sociale, l'aspetto fisico, superare gli altri nelle competizioni, la competenza accademica, l'amore e il sostegno della famiglia, l'essere una persona virtuosa o morale e l'amore di Dio.

Pubblicità

Per coloro che considerano l'accettazione sociale come una contingenza importante, i sentimenti di autostima dipendono dall'approvazione degli altri.

Un sondaggio iniziale di 337 partecipanti con un account Facebook attivo ha rilevato che le contingenze di accettazione sociale erano positivamente correlate ai sintomi della dipendenza da Facebook.

In altre parole, le persone che erano d'accordo con affermazioni come "La mia autostima dipende dalle opinioni che gli altri hanno su di me" tendevano ad accettare anche affermazioni come "Trascorro molto tempo a pensare a Facebook", "Sto usando Facebook per dimenticare i miei problemi personali " e " Uso Facebook così tanto che ha avuto un impatto negativo sul mio lavoro o sugli studi ".

I ricercatori hanno anche condotto uno studio giornaliero di 3 settimane con 80 studenti di psicologia, che hanno rilevato che i livelli di dipendenza da Facebook tendevano ad aumentare nei giorni in cui i livelli di contingenze di accettazione sociale erano più alti.

"Un individuo che basa la sua autostima sull'essere accettato socialmente è probabile che adotti l'obiettivo di formare e mantenere legami sociali e, quindi, possa essere più intensamente influenzato dalla minaccia o dalla perdita di tali relazioni", hanno spiegato i ricercatori nel loro studio "Poiché queste persone si sforzano di aumentare l'autostima e di evitare il rifiuto degli altri, a volte possono attuare un'autoregolamentazione disadattativa, come l'uso ossessivo o dipendente di Facebook".

In entrambi gli studi, le contingenze di accettazione sociale hanno predetto la dipendenza da Facebook al di là dei livelli di autostima globale. I ricercatori hanno anche controllato gli effetti potenzialmente confondenti dei tratti della personalità.

Ma lo studio - come tutte le ricerche - ha alcune limitazioni. Non è chiaro se la relazione tra le contingenze di accettazione sociale e la dipendenza da Facebook possa essere generalizzata ad altre piattaforme di social media, come Instagram o Twitter.

Lo studio "Contingent self-worth and Facebook addiction" è stato scritto da Yaniv Kanat-Maymon, Lian Almog, Rinat Cohen e Yair Amichai-Hamburger.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: facebook accettazione sociale news di psicologia social

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusiva attrazione sessuale patologica e specifica verso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni