Pubblicità

Caldo o freddo? Come la temperatura influisce sulle scelte

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2640 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Immaginate di essere in vacanza e fermarvi in un negozio: scaffali pieni di patatine e caramelle, frigoriferi pieni di birra, magliette in offerta... e una vetrina stracolma di biglietti delle più diverse lotterie. In genere non giocate, ma oggi siete sopraffatti dalla voglia di tentare la fortuna. Quale gioco scegliere? Uno dei tantissimi biglietti "gratta e vinci"? O un classico lotto?
La decisione potrebbe cambiare a seconda che siate in vacanza in Alaska o in Florida. Recenti ricerche suggeriscono infatti che un clima caldo indebolisce la nostra capacità di prendere decisioni complesse, anzi ci induce a evitare decisioni simili.

Nel caldo soffocante di un'estate tropicale, scegliere tra decine di biglietti gratta e vinci può apparire un compito insormontabile, che si preferisce evitare, magari optando per una schedina del lotto precompilata. Nel clima più freddo dell'Alaska, invece, la capacità di prendere decisioni complesse non dovrebbe essere influenzata; quando è freddo siamo in grado di valutare le opzioni e scegliere la migliore, non importa quanto sia complessa la decisione dal punto di vista cognitivo.

Tratto da: "lescienze.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni