Pubblicità

Cambiare partner non cambia le dinamiche relazionali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2209 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Pensi che la tua nuova storia d'amore sarà molto diversa dall'ultima? Secondo la nuova ricerca dell'University of Alberta, è improbabile.

cambiare partner dinamiche relazionali

Lo studio, lungo otto anni, ha incluso 554 persone in Germania e ha dimostrato che alla fine, i partecipanti, dopo i momenti felici e intensi della luna di miele, nelle nuove relazioni, hanno avuto le stesse dinamiche delle relazioni passate.


"Sebbene alcune dinamiche relazionali possano cambiare, tu sei sempre la stessa persona, quindi probabilmente ricrea gli stessi schemi con il prossimo partner", ha affermato Matthew Johnson, ricercatore dell'University of Alberta e autore principale dello studio.

"Il nuovo amore è grande, ma le relazioni continuano oltre quel punto."

Nello studio, che è tra i primi nel suo genere a esplorare il problema a lungo termine, i ricercatori hanno esaminato le persone in quattro momenti: un anno prima della fine della loro prima relazione intima e di nuovo nell'ultimo anno, quindi entro il primo anno della nuova relazione e ancora un anno dopo.

Sono stati esaminati sette aspetti della relazione, tra cui soddisfazione, frequenza del sesso, capacità di apertura a un partner, frequenza con cui esprimevano apprezzamenti per l'altra persona e fiducia nel fatto che la relazione sarebbe durata.

Tutti gli aspetti tranne due erano presenti sia nelle relazioni passate e che presenti. Le eccezioni riguardavano la frequenza del sesso e l'espressione di ammirazione per il proprio partner, entrambe aumentate nella seconda relazione, secondo Johnson.

"Questi aspetti dipendono direttamente dal comportamento di un partner, quindi abbiamo maggiori probabilità di vedere cambiamenti in queste aree", ha affermato.

Tuttavia, Johnson ha notato che il livello di soddisfazione sessuale tende a rimanere lo stesso della relazione precedente anche se la frequenza è aumentata.

Lo studio ha dimostrato che le persone potrebbero pensare che una nuova relazione sia diversa, ma questo è dovuto al modo in cui finiscono quelle passate.

"Le cose peggiorano quando finisce una relazione, e quando ne iniziamo una nuova, all'inizio tutto è meraviglioso, perché non stiamo coinvolgendo il nostro partner nella vita di tutti i giorni come le faccende domestiche e la cura dei bambini. La relazione esiste al di fuori di quelle cose", ha detto Johnson.

Ma la maggior parte delle dinamiche relazionali durante la fase intermedia della relazione precedente, quando le cose stavano andando bene, erano simili a quelle della seconda relazione, dopo che era passata la fase iniziale della luna di miele.

"Ci sono molti cambiamenti nel mezzo, ma più in generale, abbiamo stabilità nel modo in cui siamo nelle relazioni", ha osservato Johnson.

Pubblicità


Potrebbe essere sia buono che cattivo.

"È positivo in un certo senso che noi come individui possiamo portare noi stessi e le nostre esperienze nelle relazioni; non stiamo assolutamente cercando di cambiare chi siamo e la continuità mostra che restiamo fedeli a noi stessi", ha spiegato Johnson.

In effetti, le relazioni finiscono per molte ragioni e la rottura non dovrebbe necessariamente essere vista come un fallimento, ha aggiunto.

"Potrebbe essere il miglior risultato possibile per le persone coinvolte."

L'aspetto negativo di portare la stessa dinamica in nuove relazioni è che le persone potrebbero non imparare dai propri errori.

"L'avvio di una nuova relazione non significa che le cose saranno diverse. Questa ricerca dimostra che è probabile che cadrai negli stessi schemi, in molti aspetti della relazione. Anche se le cose sono diverse, non sono la garanzia che potrà essere una relazione migliore", ha detto Johnson.

Lo studio ha anche mostrato che le persone che tendevano a provare molte emozioni negative, peggioravano nelle loro seconde relazioni, tendevano ad avere relazioni e soddisfazioni sessuali inferiori, sesso meno frequente, meno espressioni di ammirazione verso il parner e più conflitti.

"Chi sei è importante e affrontare le questioni personali avrà un grande impatto sul fatto che tu abbia successo o meno nella tua relazione", ha detto Johnson.

È importante avere una visione onesta delle nostre passate storie d'amore mentre ci avventuriamo in quelle nuove, ha consigliato Johnson.

"A causa di quanto male possa finire una relazione, questo colora la nostra visione dell'intera faccenda. Ma avere una visione più equilibrata degli aspetti negativi e positivi ci dà aspettative realistiche per la nuova relazione."


Fonte:


Articolo a cura del dottor Andrea di Maio



Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: relazione partner news di psicologia dinamiche relazionali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni