Pubblicità

Cancro ed emozioni negative

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3589 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

In un recente studio condotto da ricercatori canadesi è emerso che lo squilibrio emotivo che accompagna una diagnosi di cancro potrebbe rivelarsi positivo per i pazienti.

Cancro ed emozioni negative

Secondo i ricercatori della Concordia University e dell'Università di Toronto, l’ansia, il senso di colpa e il dolore spesso vengono di pari passo con una diagnosi e con un trattamento per il cancro.

Anche se è normale sentirsi giù di morale dopo la diagnosi, i sentimenti di rabbia o di colpa possono spingere gli individui a definire nuovi obiettivi e a impegnarsi in esercizi più vigorosi.

Il Dottor Andrée Castonguay, autore principale dello studio, ha spiegato che questa nuova motivazione funge da metodo utile a contrastare l’aumento del cortisolo, ormone dello stress. Il cortisolo viene secreto dal nostro organismo in risposta alle emozioni e può alterare in maniera negativa il funzionamento corporeo.

La ricerca ha esaminato delle pazienti con una diagnosi di carcinoma mammario ed i risultati sono stati pubblicati all’interno della rivista Health Psychology.

Alla ricerca sono state chiamate a partecipare 145 pazienti, sopravvissute al cancro al seno, alle quali è stato chiesto di compilare un questionario per valutare le emozioni, la capacità di impegnarsi in nuovi obiettivi e il livello di attività fisica. Gli autori dello studio hanno anche monitorato i livelli di cortisolo, analizzando campioni di saliva forniti per cinque volte nel corso di un anno dalle partecipanti.

Pubblicità

Il team ha poi condotto dettagliate analisi, utilizzando strumenti statistici volti a evidenziare il rapporto tra i sentimenti negativi delle donne, l'impegno verso nuovi obiettivi, l'attività fisica e i livelli di cortisolo nel tempo.

Dai risultati dello studio è emerso che la capacità delle partecipanti di stabilire nuovi obiettivi, come cominciare a fare veloci passeggiate, non solo ha favorito gli effetti benefici delle emozioni sull’attività fisica, ma ha anche impedito gli effetti negativi derivanti dall’aumento del cortisolo, che può determinare svariate problematiche di salute, come un sistema immunitario indebolito.

Come spiegano i ricercatori, questi risultati sottolineano la complessità del legame tra emozioni e salute. Anche se le emozioni negative hanno una cattiva reputazione e si pensa possano essere legate alla malattia, sono state anche “progettate” per determinare comportamenti adattivi. In particolare, le emozioni come il senso di colpa o l’ansia possono motivare gli individui a cambiare quei comportamenti nocivi per la salute e ad impegnarsi maggiormente nell’esercizio. Ciò riveste una particolare importanza nei pazienti sopravvissuti al cancro, in quanto l’inattività, i problemi di peso o l’obesità possono essere fattori di rischio comuni.

Castonguay ha affermato che, nonostante le recenti linee guida incoraggino le sopravvissute al cancro al seno a impegnarsi in comportamenti sani, solo poche si impegnano effettivamente a mettere in pratica tali raccomandazioni.

Per ridurre il rischio di sviluppare ulteriori problemi di salute legati alla funzione immunitaria, al peso e alla qualità della vita, sono necessari almeno 150 minuti di attività fisica (da moderata a vigorosa) a settimana.

Alla luce dei risultati ottenuti, i ricercatori hanno concluso che alcune emozioni negative possono svolgere un ruolo importante nella direzione dei comportamenti adattivi di salute tra alcune pazienti sopravvissute al cancro e possono contribuire a determinare benefici a lungo termine sulla salute fisica.

Come ha spiegato Castonguay: "La capacità di impegnarsi e di impegnarsi in nuovi obiettivi è una risorsa importante per aiutare le sopravvissute a mettere in pratica le raccomandazioni e a minimizzare l'impatto negativo delle emozioni negative funzionamento biologico".

 

Tratto da: psychcentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: emozioni cancro

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Attacco di panico [16046547539…

NoNickname1, 18 anni Sono in un periodo difficile. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

News Letters

0
condivisioni