Pubblicità

Cantando al neonato si facilita l'apprendimento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 378 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Guardate negli occhi i vostri bambini e cantate. Poi fate una pausa e riprendete. Senza fretta e imbarazzo, rispettando il silenzio, osservate.

Il neonato risponderà con uno sguardo incantato, con un suono, una nota che imita la vostra voce. La comunicazione inizia: un dialogo musicale, senza parole, libero. Lo sa bene Beth Bolton, direttrice del dipartimento Early Childood Music della Temple University di Philadelphia (USA), che da 10 anni è impegnata a diffondere in tutto il mondo la "musica per neonati", che si fonda sulla teoria di apprendimento di Edwin Gordon.

In Italia i primi ad importarla, nel 1998, sono stati i docenti della Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia di Roma…

Ne hanno parlato nel convegno "Il bambino attivo" insieme alla Bolton, che spiega: «I bambini sperimentano ogni forma di interazione, con lo sguardo, con un sorriso. Creano un contatto pieno di significati emotivi.

Gli adulti apprendono il linguaggio dei piccoli i quali imitano i loro suoni musicali, esattamente come più tardi impareranno a parlare, scoprendo la propria voce e il ritmo. E’ facile e crea una forma di comunicazione che sembra facilitare l’apprendimento e migliorare il vocabolario».

Tante esperienze con bimbi iperattivi o autistici, ma la Bolton è cauta: «Non possiamo parlare di effetti terapeutici o di prevenzione. Abbiamo però notato che la musica può creare interazione con i bambini autistici e produrre un effetto rilassante sugli iperattivi. Il risultato non è immediato e se normalmente la risposta avviene dopo qualche minuto, con i bimbi con disagi i tempi si dilatano».

Difficoltà con i genitori? «Molti sono timidi e non riescono a lasciarsi andare. Allora insegniamo loro a comunicare musicalmente. Chiunque dovrebbe cantare e ballare e portare i figli ai concerti».

(Articolo tratto da: La Repubblica – 21.11.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni