Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Cantando al neonato si facilita l'apprendimento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 303 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Guardate negli occhi i vostri bambini e cantate. Poi fate una pausa e riprendete. Senza fretta e imbarazzo, rispettando il silenzio, osservate.

Il neonato risponderà con uno sguardo incantato, con un suono, una nota che imita la vostra voce. La comunicazione inizia: un dialogo musicale, senza parole, libero. Lo sa bene Beth Bolton, direttrice del dipartimento Early Childood Music della Temple University di Philadelphia (USA), che da 10 anni è impegnata a diffondere in tutto il mondo la "musica per neonati", che si fonda sulla teoria di apprendimento di Edwin Gordon.

In Italia i primi ad importarla, nel 1998, sono stati i docenti della Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia di Roma…

Ne hanno parlato nel convegno "Il bambino attivo" insieme alla Bolton, che spiega: «I bambini sperimentano ogni forma di interazione, con lo sguardo, con un sorriso. Creano un contatto pieno di significati emotivi.

Gli adulti apprendono il linguaggio dei piccoli i quali imitano i loro suoni musicali, esattamente come più tardi impareranno a parlare, scoprendo la propria voce e il ritmo. E’ facile e crea una forma di comunicazione che sembra facilitare l’apprendimento e migliorare il vocabolario».

Tante esperienze con bimbi iperattivi o autistici, ma la Bolton è cauta: «Non possiamo parlare di effetti terapeutici o di prevenzione. Abbiamo però notato che la musica può creare interazione con i bambini autistici e produrre un effetto rilassante sugli iperattivi. Il risultato non è immediato e se normalmente la risposta avviene dopo qualche minuto, con i bimbi con disagi i tempi si dilatano».

Difficoltà con i genitori? «Molti sono timidi e non riescono a lasciarsi andare. Allora insegniamo loro a comunicare musicalmente. Chiunque dovrebbe cantare e ballare e portare i figli ai concerti».

(Articolo tratto da: La Repubblica – 21.11.2002)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni