Pubblicità

Caratteristiche psicologiche delle neomamme e utilizzo di Facebook

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1099 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Foto del proprio figlio, numero di “Like”, commenti effettuati su Facebook e aspettative sociali come conferma della propria genitorialità

mamma bambino pcUno studio condotto presso la Ohio State University ha esaminato un gruppo specifico di neo mamme – buona istruzione, sposate e con lavoro a tempo pieno - scoprendo che coloro che avvertivano maggiormente la “pressione” sociale di essere considerate mamme perfette, tendevano a pubblicare più foto del loro bambino, attraverso un maggiore uso di Facebook rispetto ad altre.

Mediante un maggiore utilizzo di Facebook e attraverso la pubblicazione di foto del loro bambino, queste mamme riportavano anche reazioni emotive negative più forti rispetto ai commenti che venivano effettuati sulle rispettive fotografie, come una sensazione di malessere liddove non avessero ottenuto abbastanza commenti positivi.

La ricercatrice Sarah Schoppe-Sullivan ha dichiarato che “Se una madre sta postando delle foto su Facebook per ottenere il consenso sociale di “buona madre” e non ottiene tutti i “mi piace” e i commenti positivi che si aspetta, inizia a vivere questa cosa come un problema finendo per sentirsi peggio”.

Il campione è stato costituito da 127 madri dell’Ohio e per i criteri specifici enunciati precedentemente, i risultati non possono estendersi a tutte le neomamme.

Nella fase pre-parto, i ricercatori hanno misurato quanto le donne ritenessero che le aspettative sociali fossero predittrici dell’essere un genitore perfetto e hanno successivamente misurato la frequenza della loro attività su Facebook subito dopo il parto, quanto spesso hanno caricato foto del loro figlio e le risposte emotive ai “mi piace” e ai commenti effettuati da parte di amici e parenti.

Le mamme hanno inoltre riferito quante volte si sono sentite depresse o giù di morale in un periodo di tempo che va dal terzo al nono mese dopo il parto.

Dall’analisi dei risultati è merso che il 98% del campione ha caricato le foto del proprio bambino nella prima settimana successiva al parto, registrando un aumento dell’utilizzo di Facebook dal momento della nascita.

Coloro che non hanno caricato direttamente la foto del proprio figlio, ha riferito però di utilizzare una nuova foto del profilo in cui è presente il bambino.

È emerso altresì che queste madri prestavano molta attenzione ai commenti che venivano pubblicati sentendosi gratificate e socialmente “accettate” quando i commenti erano positivi, o attraversate da una sensazione di malessere e delusione quando la reazione “online” non era quella da loro sperata.

I ricercatori precisano che tali risultati devono ovviamente essere interpretati con cautela e che l’aumento delle emozioni negative non indica necessariamente l’insorgenza di una psicopatologia quale la depressione.

L’autrice dello studio conclude sottolineando che “ è fantastico condividere storie e immagini del proprio bambino, ma utilizzare Facebook come conferma della propria genitorialità potrebbe essere rischioso”.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: like facebook delusione senso di malessere Neomamme selfie aspettative sociali conferma genitorialità essere una buona madre commenti positivi commenti negativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni