Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Caratteristiche psicologiche delle neomamme e utilizzo di Facebook

on . Postato in News di psicologia

Foto del proprio figlio, numero di “Like”, commenti effettuati su Facebook e aspettative sociali come conferma della propria genitorialità

mamma bambino pcUno studio condotto presso la Ohio State University ha esaminato un gruppo specifico di neo mamme – buona istruzione, sposate e con lavoro a tempo pieno - scoprendo che coloro che avvertivano maggiormente la “pressione” sociale di essere considerate mamme perfette, tendevano a pubblicare più foto del loro bambino, attraverso un maggiore uso di Facebook rispetto ad altre.

Mediante un maggiore utilizzo di Facebook e attraverso la pubblicazione di foto del loro bambino, queste mamme riportavano anche reazioni emotive negative più forti rispetto ai commenti che venivano effettuati sulle rispettive fotografie, come una sensazione di malessere liddove non avessero ottenuto abbastanza commenti positivi.

La ricercatrice Sarah Schoppe-Sullivan ha dichiarato che “Se una madre sta postando delle foto su Facebook per ottenere il consenso sociale di “buona madre” e non ottiene tutti i “mi piace” e i commenti positivi che si aspetta, inizia a vivere questa cosa come un problema finendo per sentirsi peggio”.

Il campione è stato costituito da 127 madri dell’Ohio e per i criteri specifici enunciati precedentemente, i risultati non possono estendersi a tutte le neomamme.

Nella fase pre-parto, i ricercatori hanno misurato quanto le donne ritenessero che le aspettative sociali fossero predittrici dell’essere un genitore perfetto e hanno successivamente misurato la frequenza della loro attività su Facebook subito dopo il parto, quanto spesso hanno caricato foto del loro figlio e le risposte emotive ai “mi piace” e ai commenti effettuati da parte di amici e parenti.

Le mamme hanno inoltre riferito quante volte si sono sentite depresse o giù di morale in un periodo di tempo che va dal terzo al nono mese dopo il parto.

Dall’analisi dei risultati è merso che il 98% del campione ha caricato le foto del proprio bambino nella prima settimana successiva al parto, registrando un aumento dell’utilizzo di Facebook dal momento della nascita.

Coloro che non hanno caricato direttamente la foto del proprio figlio, ha riferito però di utilizzare una nuova foto del profilo in cui è presente il bambino.

È emerso altresì che queste madri prestavano molta attenzione ai commenti che venivano pubblicati sentendosi gratificate e socialmente “accettate” quando i commenti erano positivi, o attraversate da una sensazione di malessere e delusione quando la reazione “online” non era quella da loro sperata.

I ricercatori precisano che tali risultati devono ovviamente essere interpretati con cautela e che l’aumento delle emozioni negative non indica necessariamente l’insorgenza di una psicopatologia quale la depressione.

L’autrice dello studio conclude sottolineando che “ è fantastico condividere storie e immagini del proprio bambino, ma utilizzare Facebook come conferma della propria genitorialità potrebbe essere rischioso”.

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: like facebook delusione senso di malessere Neomamme selfie aspettative sociali conferma genitorialità essere una buona madre commenti positivi commenti negativi

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

News Letters