Pubblicità

Caratteristiche psicologiche delle neomamme e utilizzo di Facebook

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 890 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Foto del proprio figlio, numero di “Like”, commenti effettuati su Facebook e aspettative sociali come conferma della propria genitorialità

mamma bambino pcUno studio condotto presso la Ohio State University ha esaminato un gruppo specifico di neo mamme – buona istruzione, sposate e con lavoro a tempo pieno - scoprendo che coloro che avvertivano maggiormente la “pressione” sociale di essere considerate mamme perfette, tendevano a pubblicare più foto del loro bambino, attraverso un maggiore uso di Facebook rispetto ad altre.

Mediante un maggiore utilizzo di Facebook e attraverso la pubblicazione di foto del loro bambino, queste mamme riportavano anche reazioni emotive negative più forti rispetto ai commenti che venivano effettuati sulle rispettive fotografie, come una sensazione di malessere liddove non avessero ottenuto abbastanza commenti positivi.

La ricercatrice Sarah Schoppe-Sullivan ha dichiarato che “Se una madre sta postando delle foto su Facebook per ottenere il consenso sociale di “buona madre” e non ottiene tutti i “mi piace” e i commenti positivi che si aspetta, inizia a vivere questa cosa come un problema finendo per sentirsi peggio”.

Il campione è stato costituito da 127 madri dell’Ohio e per i criteri specifici enunciati precedentemente, i risultati non possono estendersi a tutte le neomamme.

Nella fase pre-parto, i ricercatori hanno misurato quanto le donne ritenessero che le aspettative sociali fossero predittrici dell’essere un genitore perfetto e hanno successivamente misurato la frequenza della loro attività su Facebook subito dopo il parto, quanto spesso hanno caricato foto del loro figlio e le risposte emotive ai “mi piace” e ai commenti effettuati da parte di amici e parenti.

Le mamme hanno inoltre riferito quante volte si sono sentite depresse o giù di morale in un periodo di tempo che va dal terzo al nono mese dopo il parto.

Dall’analisi dei risultati è merso che il 98% del campione ha caricato le foto del proprio bambino nella prima settimana successiva al parto, registrando un aumento dell’utilizzo di Facebook dal momento della nascita.

Coloro che non hanno caricato direttamente la foto del proprio figlio, ha riferito però di utilizzare una nuova foto del profilo in cui è presente il bambino.

È emerso altresì che queste madri prestavano molta attenzione ai commenti che venivano pubblicati sentendosi gratificate e socialmente “accettate” quando i commenti erano positivi, o attraversate da una sensazione di malessere e delusione quando la reazione “online” non era quella da loro sperata.

I ricercatori precisano che tali risultati devono ovviamente essere interpretati con cautela e che l’aumento delle emozioni negative non indica necessariamente l’insorgenza di una psicopatologia quale la depressione.

L’autrice dello studio conclude sottolineando che “ è fantastico condividere storie e immagini del proprio bambino, ma utilizzare Facebook come conferma della propria genitorialità potrebbe essere rischioso”.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: like facebook delusione senso di malessere Neomamme selfie aspettative sociali conferma genitorialità essere una buona madre commenti positivi commenti negativi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni