Pubblicità

Caregivers Get Hard Lesson During Alzheimer's Simulation

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 529 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Things like fold towels, put on a sweater, drink half a cup of water, clear the table, find a necktie. No big deal, right? But now add spiked inserts in your shoes, blurry goggles, clumsy gloves and headphones putting staticky radio and random noise into year ears. With all that going on, you might just put that cardigan on upside down. Nothing can re-create the horror that is Alzheimer's, which now affects 5.6 million Americans. But at Villa Ventura, a senior-living community in Kansas City, Mo., employees are at least getting a sense of what victims of the disease can feel. A pretty good sense, too, apparently - because the experience can plop a perfectly stable person onto the edge of a bed, lost, mind racing and fretful about what to do next.

"I couldn't remember anything I was supposed to do," Robert Minton, a van driver at the center, said after his turn at Virtual Dementia Tour, a hands-on trip into the dark world of Alzheimer's and other forms of dementia. "I didn't like it," he added. "Eight minutes? Seemed like 30. I wanted it to end. I had to get out of there." The system, developed by a geriatric specialist, is gaining popularity around the country. Villa Ventura's plan is to open it up to family members of its dementia patients. "Our employees see the pacing and frustration and exasperation every day," said Sarah Miller, the center's assistant assisted living director who helped lead a recent session. "If this helps them understand it a little better, then it's a good thing." First off, Minton and others in his group "garbed" up. Plastic inserts with little sharp spikes into his shoes to create the "needles and pins" and neuropathy that affect many seniors. Rubber gloves with cloth gloves over them for the arthritis effect. Goggles to give everything a yellow tint, and a dot in the middle to simulate macular degeneration. Finally, headphones with loud clutter - static-edged radio, car horns, door slams. A worker then led Minton into a small apartment with ambient light only.

Tratto da: "apa.org" Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni