Pubblicità

Caregivers Get Hard Lesson During Alzheimer's Simulation

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 327 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Things like fold towels, put on a sweater, drink half a cup of water, clear the table, find a necktie. No big deal, right? But now add spiked inserts in your shoes, blurry goggles, clumsy gloves and headphones putting staticky radio and random noise into year ears. With all that going on, you might just put that cardigan on upside down. Nothing can re-create the horror that is Alzheimer's, which now affects 5.6 million Americans. But at Villa Ventura, a senior-living community in Kansas City, Mo., employees are at least getting a sense of what victims of the disease can feel. A pretty good sense, too, apparently - because the experience can plop a perfectly stable person onto the edge of a bed, lost, mind racing and fretful about what to do next.

"I couldn't remember anything I was supposed to do," Robert Minton, a van driver at the center, said after his turn at Virtual Dementia Tour, a hands-on trip into the dark world of Alzheimer's and other forms of dementia. "I didn't like it," he added. "Eight minutes? Seemed like 30. I wanted it to end. I had to get out of there." The system, developed by a geriatric specialist, is gaining popularity around the country. Villa Ventura's plan is to open it up to family members of its dementia patients. "Our employees see the pacing and frustration and exasperation every day," said Sarah Miller, the center's assistant assisted living director who helped lead a recent session. "If this helps them understand it a little better, then it's a good thing." First off, Minton and others in his group "garbed" up. Plastic inserts with little sharp spikes into his shoes to create the "needles and pins" and neuropathy that affect many seniors. Rubber gloves with cloth gloves over them for the arthritis effect. Goggles to give everything a yellow tint, and a dot in the middle to simulate macular degeneration. Finally, headphones with loud clutter - static-edged radio, car horns, door slams. A worker then led Minton into a small apartment with ambient light only.

Tratto da: "apa.org" Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni