Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Caregivers Get Hard Lesson During Alzheimer's Simulation

on . Postato in News di psicologia | Letto 247 volte

Things like fold towels, put on a sweater, drink half a cup of water, clear the table, find a necktie. No big deal, right? But now add spiked inserts in your shoes, blurry goggles, clumsy gloves and headphones putting staticky radio and random noise into year ears. With all that going on, you might just put that cardigan on upside down. Nothing can re-create the horror that is Alzheimer's, which now affects 5.6 million Americans. But at Villa Ventura, a senior-living community in Kansas City, Mo., employees are at least getting a sense of what victims of the disease can feel. A pretty good sense, too, apparently - because the experience can plop a perfectly stable person onto the edge of a bed, lost, mind racing and fretful about what to do next.

"I couldn't remember anything I was supposed to do," Robert Minton, a van driver at the center, said after his turn at Virtual Dementia Tour, a hands-on trip into the dark world of Alzheimer's and other forms of dementia. "I didn't like it," he added. "Eight minutes? Seemed like 30. I wanted it to end. I had to get out of there." The system, developed by a geriatric specialist, is gaining popularity around the country. Villa Ventura's plan is to open it up to family members of its dementia patients. "Our employees see the pacing and frustration and exasperation every day," said Sarah Miller, the center's assistant assisted living director who helped lead a recent session. "If this helps them understand it a little better, then it's a good thing." First off, Minton and others in his group "garbed" up. Plastic inserts with little sharp spikes into his shoes to create the "needles and pins" and neuropathy that affect many seniors. Rubber gloves with cloth gloves over them for the arthritis effect. Goggles to give everything a yellow tint, and a dot in the middle to simulate macular degeneration. Finally, headphones with loud clutter - static-edged radio, car horns, door slams. A worker then led Minton into a small apartment with ambient light only.

Tratto da: "apa.org" Prosegui nella lettura dell'articolo

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters