Pubblicità

Cattivi matrimoni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 381 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un recente articolo pubblicato sulla rivista APA Monitor approfondisce le dinamiche psicologiche che si originano nei partners coinvolti in un matrimonio infelice; innanzitutto, tra uomini e donne esisterebbe una differenza di fondo nelle risposte alle proprie emozioni collegate al vissuto della vita di coppia, per cui sarebbero le donne le più penalizzate dall’evenienza di un fallimento matrimoniale. “Bisogna vedere il diverso modo in cui uomini e donne si rapportano al proprio partner ed alle proprie emozioni relative ad esso – ha detto il dr.Robert Levenson, docente di Psicologia presso la Berkeley University (California, Usa), al Convegno Annuale dell’American Psychologist Association, dove nei giorni scorsi è stato tra gli altri trattato anche questo argomento. Le ripercussioni in termini di ansie e tensioni somatiche di una vita coniugale conflittuale sono state più volte ribadite da studi e ricerche recenti condotte su queste tematiche; secondo i ricercatori, i soggetti che si lasciano meno coinvolgere da livelli di eccitazione emotiva elevata in tali situazioni mantengono un miglior stato psicofisico e riescono a raggiungere livelli emotivamente più stabili e maggiori gratificazioni nella vita di coppia.

“Gli uomini tenderebbero ad usare maggiormente questo atteggiamento – continua il dr.Levenson – poiché essi sentono l’aumento di eccitazione emotiva in termini prevalentemente negativi e quindi da evitare..Per la maggiorparte dei mariti, cioè, quando il conflitto coniugale raggiunge elevati livelli produce in loro forti emozioni negative cui segue un allentamento emotivo che permette di diminuirne il livello di coinvolgimento attraverso atteggiamenti tipici che possiamo definire “muro di pietra”…

Questo non avverrebbe invece nelle donne – spiega Levenson – la cui esperienza emotiva non riflette sempre il proprio stato fisiologico in termini di attivazione-eccitazione; così , mentre negli uomini ci sarebbe una tendenza maggiore ad evitare gli stati di attivazione emotiva eccessiva e disturbante, nelle donne tale attivazione fisiologica si tradurrebbe più facilmente in manifestazioni psicosomatiche con ripercussioni negative per la loro salute…Inoltre, nei matrimoni più conflittuali dove il livello di attivazione-eccitazione emotiva raggiunge quote elevate, le mogli – in base a questa differenza di genere nella risposta allo stress coniugale - tenderebbero a “farsi carico” involontariamente anche della quota di attivazione disturbante dei propri mariti con un ulteriore effetto stressante che si manifesta soprattutto nel lungo termine..”.

(tratto da: APA Monitor - Vol.32, No. 11 Dic. 2001)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

News Letters

0
condivisioni