Pubblicità

Cervello: i neuroni si riproducono

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2979 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Uno dei capisaldi della cultura e della conoscenza del cervello umano è stato, per decenni, l'idea che la produzione di nuove cellule cerebrali, i neuroni, fosse confinata alla fase embrionale dello sviluppo e terminasse poco dopo la nascita. Ci veniva insegnato, insomma, che nasciamo con un bagaglio di moltissimi neuroni destinati a ridursi progressivamente con l'età, e che la possibilità di crescita di nuove cellule cerebrali in età adulta è impossibile. L'invecchiamento era considerato quindi inevitabile e, quasi come consolazione, si identificava lo sviluppo della saggezza in età matura con il rafforzamente dei collegamenti tra neuroni, le cosiddette sinapsi.

Questo dogma sul nostro cervello nasce nel 1913, quando il grande neuroanatomo spagnolo Ramòn y Cajal, vincitore del premio Nobel alcuni anni dopo, concludeva che il cervello era una struttura immutabile, stabile e definitiva. La sua influenza è stata talmente grande che persino le parole di un gigante della psicologia, William James, che aveva ipotizzato la straordinaria plasticità cerebrale, sono rimaste inascoltate. Come pure lettera morta sono stati i primi studi di Joseph Altman, scienziato del prestigioso M.I.T, pubblicati sulla prestigiosissima rivista Sience, che avevano dimostrato già 45 anni fa l'esistenza di nuovi neuroni in varie specie di mammiferi. Il dogma dell'immutabilità del cervello adulto aveva reso il mondo scientifico sordo a queste ed altre dimostrazioni che vennero pubblicate su riviste prestigiose tra le quali Nature.

Tratto da: "autocompiacimento.net" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters

0
condivisioni