Pubblicità

Chi è sensibile elabora le emozioni anche mentre riposa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 450 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

La ricerca scopre i modelli di funzionamento di una persona altamente sensibile a riposo. In un mondo di costante sovraccarico di informazioni e stress che potrebbero essere la causa di una varietà di comportamenti, dagli scoppi emotivi, al ritiro, alla procrastinazione, le persone estremamente sensibili elaborano gli input in modo profondo.

Chi è sensibile elabora le emozioni anche mentre riposa

"Un altro modo ampio di pensare, definiscono così gli individui sensibili i biologi quando cercano di comprendere le differenze individuali delle persone nelle risposte a cose diverse, è che la persona con un'elevata sensibilità sarà più reattiva, sia nel bene che nel male", ha affermato Acevedo, un autore dello studio presso il Dipartimento di Scienze Psicologiche e del Cervello dell'Università di Santa Barbara. Quindi, mentre le persone con un'elevata sensibilità potrebbero essere più scosse da situazioni scomode, potrebbero anche sperimentare livelli più elevati di creatività, legami più profondi con gli altri e un accresciuto apprezzamento della bellezza.

Il meccanismo alla base di queste attività profonde e di una maggiore cautela, risiede nel modo in cui il cervello delle persone altamente sensibili elabora le informazioni: lo fanno in modo più profondo, ha confermato Acevedo.

"Uno dei nuovi progressi di questa ricerca è stato che nella maggior parte dei precedenti studi di imaging del cervello sulla sensibilità, abbiamo avuto la tendenza a guardare le risposte agli stimoli", ha riferito Acevedo. "Questo è stato uno studio in cui abbiamo appena esaminato cosa fa il cervello a riposo e come l'essere sensibili lo influenza".

Portando i volontari a uno scanner di risonanza magnetica funzionale ospitato nel seminterrato del Psychology Building dell'UCSB, i ricercatori hanno condotto un "compito di empatia" in cui ai partecipanti venivano mostrate le descrizioni di eventi felici, tristi o neutri, seguiti dai corrispondenti volti emotivi dei loro partner e di estranei. Ai volontari è stato chiesto di contare alla rovescia di sette da un gran numero "per lavare via gli effetti di provare qualsiasi tipo di emozione", tra le foto del viso visualizzate.

 

Pubblicità

 

"Poi è stato chiesto loro di fornire alcune risposte per dirci come si sono sentiti quando è stata mostrata l'immagine di ogni volto", dice Acevedo. Successivamente, i partecipanti sono stati invitati a rilassarsi, mentre i loro cervelli venivano scansionati.

Quello che hanno trovato era un modello che suggeriva che durante questo riposo, dopo aver fatto qualcosa di emotivamente evocativo, il loro cervello mostrava un'attività che suggeriva una profondità di elaborazione, la profondità di elaborazione è una caratteristica cardinale dell'alta sensibilità.

Tra i segnali più significativi nei partecipanti che hanno ottenuto livelli più alti c'era una maggiore connettività tra il precuneo e l'ippocampo, un circuito implicato nel consolidamento della memoria episodica e nel recupero spontaneo della memoria. Il consolidamento della memoria è importante, ha confermato Acevedo, al fine di preparare un individuo per future situazioni simili e come rispondere ad esse.

I risultati di questo documento rappresentano un progresso significativo nella crescente comprensione della sensibilità dell'elaborazione sensoriale, un tratto che è presente tra circa 1,4 miliardi della popolazione globale. I risultati possono anche avere una certa rilevanza clinica per coloro che soffrono di disturbi dell'umore, come l'ansia, ha affermato Acevedo, il cui libro "The Highly Sensitive Brain" è finalista per il 2021 Association of American Publishers Professional and Scholarly Excellence (PROSE) Award in Neuroscienza.

 

Un modo per aiutare chi possiede una tensione e una difficoltà a concentrarsi, indipendentemente dal fatto che si consideri molto sensibile o meno?

"Prenditi una pausa", ha consigliato Acevedo. "Per tutti noi, ma soprattutto per le persone altamente sensibili, prendersi qualche minuto di pausa e non necessariamente fare altro che rilassarsi può essere utile. Lo abbiamo visto a livello comportamentale ed a livello del cervello".

 

 

Riferimento:

 

  • Bianca P. Acevedo, Tyler Santander, Robert Marhenke, Arthur Aron, Elaine Aron. Sensory Processing Sensitivity Predicts Individual Differences in Resting-State Functional Connectivity Associated with Depth of ProcessingNeuropsychobiology, 2021; 80 (2): 185 DOI: 10.1159/000513527

 

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: sensibile emozioni crollo psicologicamente riposo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni