Pubblicità

Chiamateci guarite: foto di gruppo di cinquecentomila italiane

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 284 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MILANO - Qualcuna vuole un figlio, qualcun’altra perde il lavoro, molte devono fare i conti con la depressione e i colpi che il tumore sferra al benessere fisico, psichico e alla femminilità. Oggi otto donne su dieci superano il cancro al seno, ma non vogliono sentirsi chiamare "survivors", sopravvissute o lungo-sopravviventi. Loro si definiscono guarite. Le ormai più di 500mila italiane che hanno si sono lasciate alle spalle un carcinoma mammario si sentono bene (il 72,6 per cento è contento del proprio stato di salute, il 26 per cento molto soddisfatto) e spesso ritornano al lavoro, ma molte (circa il 65 per cento) temono di ammalarsi di nuovo e 6 su 10 hanno sperimentato un periodo di depressione.

 

 

È la fotografia che emerge dall’indagine nazionale promossa dall’Associazione ricerca ed educazione in oncologia (Areo), condotta su 150 ex pazienti, a 5 e 10 anni dalla diagnosi, di tre centri oncologici italiani (Policlinico di Modena, Istituto per la ricerca sul cancro di Genova e Regina Elena di Roma). Negli ultimi anni, gli importanti progressi fatti nelle terapie oncologiche hanno consentito di ottenere un aumento significativo dell’aspettativa di vita e, in molti casi, di raggiungere una piena guarigione. Si è così aperta una nuova sfida: sia le pazienti guarite che quelle croniche, in cui le terapie riescono a controllare a lungo la malattia, vogliono e devono poter tornare a una vita "normale".

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni