Pubblicità

Children of bipolar parents score higher on creativity test, Stanford study finds

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 294 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Researchers at the Stanford University School of Medicine have shown for the first time that a sample of children who either have or are at high risk for bipolar disorder score higher on a creativity index than healthy children. The findings add to existing evidence that a link exists between mood disorders and creativity.
The small study, published in the November issue of the Journal of Psychiatric Research, compared creativity test scores of children of healthy parents with the scores of children of bipolar parents. Children with the bipolar parents - even those who were not bipolar themselves - scored higher than the healthy children.

"I think it's fascinating," said Kiki Chang, MD, assistant professor of psychiatry and behavioral sciences and co-author of the paper. "There is a reason that many people who have bipolar disorder become very successful, and these findings address the positive aspects of having this illness."
Many scientists believe that a relationship exists between creativity and bipolar disorder, which was formerly called manic-depressive illness and is marked by dramatic shifts in a person's mood, energy and ability to function. Numerous studies have examined this link; several have shown that artists and writers may have two to three times more incidences of psychosis, mood disorders or suicide when compared with people in less creative professions.

Tratto da eurekalert.org - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Ipnosi

Particolare stato psichico, attraverso il quale è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva dell’individuo, concedendo al singolo l'apertura della...

News Letters

0
condivisioni