Pubblicità

Children of bipolar parents score higher on creativity test, Stanford study finds

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 236 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Researchers at the Stanford University School of Medicine have shown for the first time that a sample of children who either have or are at high risk for bipolar disorder score higher on a creativity index than healthy children. The findings add to existing evidence that a link exists between mood disorders and creativity.
The small study, published in the November issue of the Journal of Psychiatric Research, compared creativity test scores of children of healthy parents with the scores of children of bipolar parents. Children with the bipolar parents - even those who were not bipolar themselves - scored higher than the healthy children.

"I think it's fascinating," said Kiki Chang, MD, assistant professor of psychiatry and behavioral sciences and co-author of the paper. "There is a reason that many people who have bipolar disorder become very successful, and these findings address the positive aspects of having this illness."
Many scientists believe that a relationship exists between creativity and bipolar disorder, which was formerly called manic-depressive illness and is marked by dramatic shifts in a person's mood, energy and ability to function. Numerous studies have examined this link; several have shown that artists and writers may have two to three times more incidences of psychosis, mood disorders or suicide when compared with people in less creative professions.

Tratto da eurekalert.org - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters

0
condivisioni