Pubblicità

Ci guardiamo con occhi diversi: come avviene il riconoscimento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 607 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli orientali puntano al naso, gli occidentali fissano gli occhi. Ebbene sì, per riconoscersi, non tutti si guardano allo stesso modo. E' questa la curiosa conclusione a cui sono giunti alcuni ricercatori dell'università di Glasgow guidati dallo psicologo di origini italiane Roberto Caldara, che ha analizzato il modo in cui guardiamo il volto delle persone per riconoscerle.

Orientali e occidentali si guardano quindi con 'occhi' diversi'. Lo studio, pubblicato dalla rivista Plos One, dimostra infatti che mentre gli occidentali riconoscono l'identità di una persona focalizzando l'attenzione sul triangolo occhi-bocca, gli asiatici puntano dritti dritti al naso. Una vera sorpresa, visto che gli studiosi hanno sempre considerato universale e uguale per tutti il meccanismo biologico del riconoscimento.

Tratto da "tgcom" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni