Pubblicità

Ciao mamma! Le emozioni del feto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1786 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I moderni strumenti di diagnosi prenatale confermano ciò che le mamme hanno da sempre pensato, cioe' che i bambini nel grembo materno sentono, sono connessi con ciò che li circonda e soprattutto condividono le emozioni con le loro madri: delusione, depressione, rabbia, paura, affetto. Ecco come si sviluppa la “protocoscienza” che racchiude i rudimenti della personalità del bambino che nascerà.bimbi

Da quando i moderni strumenti di diagnosi hanno permesso di sondare ed esplorare la vita intrauterina, di studiarla e monitorarla da vicino, si è scoperto come vive il feto, che cosa "prova", come si sviluppa fin dalle prime settimane.

Si sono accesi i riflettori sull’affascinante inizio della vita, quel paradiso perduto che accomuna tutti. E di approfondire, ma non risolvere, l’antica questione della presenza di un’anima prima della nascita. A cambiare, di conseguenza, è anche la rappresentazione sociale del feto, l’immagine che si ha di questa fase della vita, le aspettative dei genitori stessi. 

Le conoscenze attuali hanno demolito pregiudizi e superstizioni. Ma in alcuni casi hanno confermato invece ciò che le mamme hanno da sempre pensato: che i bambini nel grembo materno sentono, sono connessi con ciò che li circonda. E, cosa ancor più intrigante, possono condividere le emozioni con le loro madri, sono in grado di provare delusione, depressione, rabbia e paura. La ricerca dimostra infatti che fin dai primi mesi di gestazione quando la mamma è tranquilla anche il feto lo è, se invece è in ansia lui si agita allo stesso modo. Il misterioso e profondo legame tra madre e feto nasce ben prima del parto.
Anche i bambini nati prematuri esprimono una vasta gamma di emozioni. Osservazioni del comportamento nell’utero ad ultrasuoni, soprattutto tra gemelli, rivelano rabbia, paura, affetto. Il feto inoltre reagisce agli aghi che si intromettono nell’utero con shock, ritiro, aggressione, provando vero e proprio panico. Si calma con la voce della madre, a sei mesi di gestazione può muovere il corpo al ritmo dei suoi discorsi.

Gli studi di psicologia prenatale hanno scoperto che il feto non è un essere passivo e inalterabile ma interagisce con l’ambiente, risponde agli stimoli preparandosi alla vita “fuori” e si turba in alcune situazioni. La ricerca ha evidenziato che le capacità riscontrate nei neonati sono il risultato di un lungo e complesso processo che inizia nella vita intrauterina, c’è continuità tra vita prenatale e postnatale. Si parla dello sviluppo di una “protocoscienza” che racchiude i rudimenti della personalità.

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni