Pubblicità

Ciao mamma! Le emozioni del feto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1151 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I moderni strumenti di diagnosi prenatale confermano ciò che le mamme hanno da sempre pensato, cioe' che i bambini nel grembo materno sentono, sono connessi con ciò che li circonda e soprattutto condividono le emozioni con le loro madri: delusione, depressione, rabbia, paura, affetto. Ecco come si sviluppa la “protocoscienza” che racchiude i rudimenti della personalità del bambino che nascerà.bimbi

Da quando i moderni strumenti di diagnosi hanno permesso di sondare ed esplorare la vita intrauterina, di studiarla e monitorarla da vicino, si è scoperto come vive il feto, che cosa "prova", come si sviluppa fin dalle prime settimane.

Si sono accesi i riflettori sull’affascinante inizio della vita, quel paradiso perduto che accomuna tutti. E di approfondire, ma non risolvere, l’antica questione della presenza di un’anima prima della nascita. A cambiare, di conseguenza, è anche la rappresentazione sociale del feto, l’immagine che si ha di questa fase della vita, le aspettative dei genitori stessi. 

Le conoscenze attuali hanno demolito pregiudizi e superstizioni. Ma in alcuni casi hanno confermato invece ciò che le mamme hanno da sempre pensato: che i bambini nel grembo materno sentono, sono connessi con ciò che li circonda. E, cosa ancor più intrigante, possono condividere le emozioni con le loro madri, sono in grado di provare delusione, depressione, rabbia e paura. La ricerca dimostra infatti che fin dai primi mesi di gestazione quando la mamma è tranquilla anche il feto lo è, se invece è in ansia lui si agita allo stesso modo. Il misterioso e profondo legame tra madre e feto nasce ben prima del parto.
Anche i bambini nati prematuri esprimono una vasta gamma di emozioni. Osservazioni del comportamento nell’utero ad ultrasuoni, soprattutto tra gemelli, rivelano rabbia, paura, affetto. Il feto inoltre reagisce agli aghi che si intromettono nell’utero con shock, ritiro, aggressione, provando vero e proprio panico. Si calma con la voce della madre, a sei mesi di gestazione può muovere il corpo al ritmo dei suoi discorsi.

Gli studi di psicologia prenatale hanno scoperto che il feto non è un essere passivo e inalterabile ma interagisce con l’ambiente, risponde agli stimoli preparandosi alla vita “fuori” e si turba in alcune situazioni. La ricerca ha evidenziato che le capacità riscontrate nei neonati sono il risultato di un lungo e complesso processo che inizia nella vita intrauterina, c’è continuità tra vita prenatale e postnatale. Si parla dello sviluppo di una “protocoscienza” che racchiude i rudimenti della personalità.

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

News Letters

0
condivisioni