Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Clinica dell’immagine. A proposito di un fenomeno autoscopico nel quadro di una parafrenia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 351 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

A proposito di un fenomeno autoscopico nel quadro di una parafrenia. Parlerò di un caso di parafrenia in una ragazza di 16-17 anni. Si tratta di un quadro clinico che al giorno d’oggi praticamente non si vede più e che, tuttavia, conserva integra la sua pertinenza. Uscita dalla tradizione psichiatrica francese e tedesca, la parafrenia è venuta situandosi come un concetto intermedio della psichiatria classica, che fino a quel momento distingueva in modo netto tra i deliri cronici schematizzati della paranoia e quelli polimorfi della schizofrenia. E’ negli anni 1910-1914 che i francesi Dupré e Logre hanno proposto il gruppo dei “deliri di immaginazione”, deliri a meccanismo immaginativo su un fondo costituzionalmente mitomanico. Il termine immaginazione è qui importante perché avremo a che fare con l’Immaginario e con l’Io. Sta di fatto che i due autori hanno auspicato una separazione di questi deliri da quelli caratterizzati da allucinazioni e/o interpretazioni. Così la nuova categoria insiste sul carattere estremamente prolifico della fabulazione, dei racconti rocamboleschi e chimerici. Nello stesso periodo Kraepelin, che inizialmente aveva rifiutato questo gruppo di psicosi, individuava ciò che avrebbe chiamato parafrenie, distinguendone 4 tipi: quelle più frequentemente citate nei manuali psichiatrici sono da lui chiamate parafrenia fantastica e parafrenia confabulante (che corrispondono ai deliri di immaginazione di Dupré e Logre). Gli autori francesi e tedeschi hanno insistito sul paradosso di una ricchezza, esuberanza dei temi del delirio che coesiste con l’integrità del pensiero logico e l’adattamento al mondo reale.

Tratto da: "lacanlab.it" - Prosegui nella lettuira dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura che ai miei figli suc…

Giovi, 43     Buongiorno, le scrivo perché la mia vita sta diventando impossibile. La stanchezza si sta impossessando di me e ogni giorno è sempr...

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni