Pubblicità

Combattere il bullismo nelle scuole

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1128 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La scuola è un continente complesso e articolato.
Quello che balza agli occhi in questi giorni sui media locali è il farsi spazio una prassi operativa che mette al centro la sicurezza dell'infanzia e dell'educazione affidandola alla Questura: accordo con il dirigente provinciale della scuola (per fortuna è andato in pensione).   Le politiche di security si stanno espandendo e stanno sostituendo le politiche sociali e rottamano quelle della prevenzione. Cosa fanno e dove sono gli operatore che si dovrebbero occupare della prevenzione da parte del Comune e dell'Asl? Non c'è un educatore di strada, non ci sono interventi di prevenzione e di consultazione all'interno delle scuole.
sac longchamp , air max tn pas cher , ray ban uk , nike blazer , sac longchamp Tutte le volte che un poliziotto entra in un Istituto Scolastico è il segno profondo di una grande inadeguatezza di tutto l'apparato formativo scolastico che va dal vertice fino all'ultimo operatore della scuola. Ipotizzare che la soluzione per far fronte al bullismo nelle scuole sia quella di metter in campo dei poliziotti per affrontare dei comportamenti di disagio dell'infanzia o della adolescenza fa rabbrividire e fa  agitare pedagogisti contemporanei come Vertecchi, Aldo Visalberghi, De Bartolomeis, don Milani, il maestro Manzi, per non andare a scomodare Maria Montessori o psicologi dell'educazione come Jean Piaget, Stainer, Freud, Erikson...


Tratto da www.leccoprovincia.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni