Pubblicità

Come avvicinarsi a qualcuno che è emotivamente distante

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 448 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Costruire un rapporto rispettando i confini.

 Come avvicinarsi a qualcuno che è emotivamente distante

La maggior parte di noi conosce "quella persona" che semplicemente non ci dà confidenza. In ufficio, nel quartiere, durante le riunioni di famiglia, evitano l'interazione. Ogni volta che provi a intavolare una conversazione, sembra che non sia un inizio. C'è un modo per rompere il ghiaccio?

Per quanto allettante sia gettare la spugna, se è importante costruire una relazione con una persona emotivamente distante, sia personalmente che professionalmente, puoi farlo.

La ricerca fornisce alcune indicazioni su come.

Fedele al cliché, nella maggior parte dei casi in cui le tue aperture amichevoli sono accolte con indifferenza o congedo, il problema non sei tu, sono loro.

Eppure anche gli individui più indipendenti, autosufficienti e autonomi possono essere trasformati da reticenti a reattivi quando la tua interazione soddisfa i loro bisogni psicologici.

E poiché le motivazioni contano, l'autenticità ti rende attraente e accessibile.

Zachary G. Baker et al. (2020) hanno esplorato il ruolo del rapporto nel soddisfare i bisogni psicologici di base.

Nella loro ricerca hanno scoperto che il rapporto era positivamente collegato a diversi tipi di soddisfazione dei bisogni ed era probabile che predicesse la soddisfazione dei bisogni indipendentemente nelle aree di autonomia, competenza e nei rapporti di parentela.

Baker et al. spiegare che il rapporto ha tre componenti principali:

 

  • affetto positivo
  • attenzione reciproca
  • livello di coordinamento tra i partner interazionali.

 

Descrivono tutti e tre come simili alla risonanza di positività, come la cura reciproca, l'emozione positiva condivisa e la sincronia biocomportamentale.

Notano inoltre che la risonanza di positività percepita è stata trovata correlata a emozioni positive e salute mentale, e collegata a meno malattie, sintomi depressivi e solitudine.

Pubblicità

Legame con conoscenti

Con chi puoi legare? Per fortuna, la vicinanza non è un prerequisito del rapporto.

Baker et al. hanno notato che si possono instaurare rapporti con persone con cui non siamo vicini. Questo sembra indicare che si può avere un legame di successo con un collega lontano quanto un membro della famiglia.

 

Baker et al. hanno notato che interagiamo abitualmente con persone che non sono vicine perché le relazioni occasionali sono meno gravose sia in termini di creazione che di mantenimento.

Tuttavia, i loro risultati suggeriscono che la relazione unica tra rapporto e bisogni psicologici avviene attraverso il tempo e la percezione relazionale, tra gli individui e internamente.

Il fatto che queste associazioni non differissero a seconda del tipo di relazione o del livello di intimità suggerisce che tutte le relazioni sono modi potenzialmente importanti per soddisfare i bisogni psicologici ed emotivi.

Allora, come si costruisce un rapporto con chi è accessibile e con chi è distaccato?

Attraverso il contesto e il contenuto della conversazione.

Conquistare gli altri richiede più delle parole.

Namkje Koudenburg et al. (2017) hanno studiato l'impatto della forma conversazionale, oltre il suo contenuto, sull'emergenza e la regolazione della struttura sociale.

Tra le altre scoperte c'era l'osservazione che un senso di "realtà condivisa" è prodotto non solo dallo scambio di informazioni, ma da percepire soggettivamente l'esperienza di una conversazione regolare e fluida.

Descrivono che i partner di una conversazione si trovano sulla stessa "lunghezza d'onda" e che sperimentano la realtà condivisa a causa della sensazione viscerale prodotta dal flusso conversazionale.

Forniscono un esempio di una videochiamata a lunga distanza con ritardi nel tempo e altri ostacoli alla formazione di chimica.

Pubblicità

Un candidato all'estero con un curriculum eccellente, una personalità amichevole e risposte accettabili a domande relative al lavoro può comunque presentarsi come non adatto a causa dell'impossibilità di "fare clic" con l'intervistatore.

Notano che ciò può essere dovuto a una percepita mancanza di entusiasmo, all'apparenza distante o distaccata, o alla mancata risposta o alla risata al momento giusto alle battute dell'intervistatore.

Che lo riconosciamo o meno, questo tipo di mancanza di flusso di conversazione può creare inconsciamente una barriera interpersonale.

Apparentemente, avvicinarsi a ciò che è inavvicinabile richiede pianificazione e preparazione, oltre che rispetto genuino.

Ma se è importante connettersi, ci sono modi per creare chimica attraverso il contatto e la conversazione.

 

Reference:

  1. Baker, Zachary G., Emily M. Watlington, and C. Raymond Knee. 2020. “The Role of Rapport in Satisfying One’s Basic Psychological Needs.” Motivation and Emotion, January. doi:10.1007/s11031-020-09819-5.
  2.  Koudenburg, Namkje, Tom Postmes, and Ernestine H. Gordijn. 2017. “Beyond Content of Conversation: The Role of Conversational Form in the Emergence and Regulation of Social Structure.” Personality and Social Psychology Review 21 (1): 50–71. doi:10.1177/1088868315626022.

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: rapporti sociali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Paure invalidanti [16176868876…

Verde123, 33 anni     Buongiorno, scrivo perché mi trovo in una situazione per me difficile da sopportare e risolvere. Sono sempre stata una p...

Mi sento triste e depresso [16…

ANONIMo, 14 anni   Buongiorno, sono un ragazzo di 14 anni e sto vivendo un periodo buio nella mia vita; il motivo è soprattutto l'impatto che ha av...

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vien...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni