Pubblicità

Come il cervello combatte le paure che tornano a perseguitarci

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 238 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I neuroscienziati dell'Università del Texas ad Austin hanno scoperto un gruppo di cellule nel cervello che sono responsabili di far riemergere inaspettatamente vecchi ricordi paurosi. La scoperta potrebbe portare a nuove raccomandazioni su quando e quanto spesso vengono utilizzate alcune terapie per il trattamento di ansia, fobie e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Come il cervello combatte le paure che tornano a perseguitarci

Nel nuovo documento, pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, i ricercatori descrivono l'identificazione dei "neuroni di estinzione", che sopprimono i ricordi paurosi quando vengono attivati o permettono a quest'ultimi di riemergere quando non lo sono affatto.

Fin dai tempi di Pavlov e dei suoi cani, gli scienziati hanno saputo che i ricordi che pensavamo di aver lasciato alle nostre spalle possono riemergere in momenti inopportuni, innescando ciò che è noto come recupero spontaneo,considerata una forma di ricaduta. Quello che non sapevano era perché è successo.

"C'è spesso una ricaduta della paura originale, ma sapevamo molto poco sui meccanismi", ha detto Michael Drew, professore associato di neuroscienze e autore dello studio. "Questi tipi di studi possono aiutarci a capire la potenziale causa di disturbi, come ansia e PTSD, e possono anche aiutarci a capire i potenziali trattamenti".

Una delle sorprese per Drew e il suo team è stata quella di scoprire che le cellule cerebrali che sopprimevano i ricordi della paura si nascondevano nell'ippocampo. Tradizionalmente, gli scienziati associano la paura a un'altra parte del cervello, l'amigdala. L'ippocampo, responsabile di molti aspetti della memoria e della navigazione spaziale, sembra giocare un ruolo importante nel contestualizzare la paura, ad esempio legando ricordi paurosi al luogo in cui sono avvenuti.

La scoperta può aiutare a spiegare perché uno dei modi principali per trattare i disturbi basati sulla paura, la terapia dell'esposizione, a volte smette di funzionare. La terapia dell'esposizione promuove la formazione di nuovi ricordi di sicurezza che possono scavalcare una memoria di paura originale. Per esempio, se qualcuno ha paura dei ragni dopo essere stato morso da uno, potrebbe intraprendere una terapia di esposizione lasciando che un innocuo ragno strisci su di lui. I ricordi sicuri sono chiamati "ricordi di estinzione".

"L'estinzione non cancella la memoria della paura originale, ma crea una nuova memoria che inibisce o compete con la paura originale", ha detto Drew. "Il nostro articolo dimostra che l'ippocampo genera tracce di memoria sia di paura che di estinzione, e la competizione tra queste tracce ippocampali determina se la paura è espressa o soppressa".

Pubblicità

Detto questo, le pratiche raccomandate relative alla frequenza e ai tempi della terapia di esposizione potrebbero dover essere rivisitate e potrebbero essere esplorati nuovi percorsi per lo sviluppo di farmaci.

Negli esperimenti, Drew e il suo team hanno posizionato i topi in una scatola particolare e hanno indotto la paura con uno shock innocuo. Dopodiché, quando uno dei topi era nella scatola, avrebbe mostrato un comportamento di paura fino a quando, con un'esposizione ripetuta alla scatola senza uno shock, si formarono i ricordi dell'estinzione e il topo non ebbe paura.

Gli scienziati sono stati in grado di attivare artificialmente la paura e sopprimere i ricordi delle tracce di estinzione usando uno strumento chiamato optogenetica per attivare e disattivare nuovamente i neuroni di estinzione.

"La soppressione artificiale di questi cosiddetti neuroni di estinzione provoca la paura di ricaduta, mentre stimolarli previene la ricaduta della paura", ha detto Drew. "Questi esperimenti rivelano potenziali strade per sopprimere la paura maladattiva e prevenire le ricadute".

 

(articolo a cura della Dottoressa Arianna Patriarca)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

 

Tags: ansia paura cervello PTSD fobia ippocampo amigdala.

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni