Pubblicità

Come il cervello partorisce la bizzaria dei sogni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 366 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I sogni consolidano il ricordo di ciò che è avvenuto durante la veglia e danno al cervello una seconda possibilità di distillare informazioni. I sogni dunque servono a rivedere le esperienze recenti, fissano i ricordi nella memoria e contribuiscono allo sviluppo del cervello. Secondo Robert Stickgold, neuroscienziato all’Harvard Medical School di Boston, «il sogno non si limita a rafforzare la memorizzazione, serve anche a ricavare significati». Matthew Walzer, neuroscienziato alla Harvard Medical School, sostiene poi che i diversi stadi del sogno servano a consolidare tre differenti tipi di memorie: le memorie spaziali, quelle dichiarative e i ricordi.

Le prime due si consolidano durante il sonno a onde lente, mentre i ricordi con una forte componente emotiva si elaborano e fissano durante il sonno Rem, quello in cui si sogna di più. Durante questa fase, il cervello emotivo e quello che elabora le immagini sono attivi, mentre la corteccia prefrontale, parte razionale del cervello è muta. «Questo spiega la bizzarria del mondo dei sogni -dice Stickgold- e anche la creatività del sogno, cioè la capacità di assemblare ricordi in modo diverso dal solito».

Tratto da "Lastampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

News Letters

0
condivisioni