Pubblicità

Come il cervello partorisce la bizzaria dei sogni

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 725 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I sogni consolidano il ricordo di ciò che è avvenuto durante la veglia e danno al cervello una seconda possibilità di distillare informazioni. I sogni dunque servono a rivedere le esperienze recenti, fissano i ricordi nella memoria e contribuiscono allo sviluppo del cervello. Secondo Robert Stickgold, neuroscienziato all’Harvard Medical School di Boston, «il sogno non si limita a rafforzare la memorizzazione, serve anche a ricavare significati». Matthew Walzer, neuroscienziato alla Harvard Medical School, sostiene poi che i diversi stadi del sogno servano a consolidare tre differenti tipi di memorie: le memorie spaziali, quelle dichiarative e i ricordi.

Le prime due si consolidano durante il sonno a onde lente, mentre i ricordi con una forte componente emotiva si elaborano e fissano durante il sonno Rem, quello in cui si sogna di più. Durante questa fase, il cervello emotivo e quello che elabora le immagini sono attivi, mentre la corteccia prefrontale, parte razionale del cervello è muta. «Questo spiega la bizzarria del mondo dei sogni -dice Stickgold- e anche la creatività del sogno, cioè la capacità di assemblare ricordi in modo diverso dal solito».

Tratto da "Lastampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni