Pubblicità

Come il cervello riconosce le voci

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 436 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cosa succede nel nostro cervello quando sentiamo una voce familiare?
Esistono neuroni addetti al riconoscimento vocale?
Probabilmente sì, sostiene Christopher Petkov dell'Istituto di Neuroscienze dell'Università di Newcastle, che ha presentato i risultati della sua ricerca durante il Forum europeo delle Neuroscienze a Milano.
Lo studioso ha individuato "un'area delle voci" nel cervello.
Già da tempo è nota l'esistenza di alcuni neuroni specifici per il riconoscimento dei volti; secondo Petkov per le voci potrebbe essere lo stesso.
Eppure i "neuroni visivi" probabilmente funzionano in modo diverso dai "neuroni uditivi": mentre il nostro cervello reagisce al riconoscimento del singolo volto familiare, per le voci non è così.
«Non esiste il neurone della voce della nonna -spiega Petkov - C'è invece una specifica categoria di neuroni che si attivano quando sentiamo voci conosciute».

Tratto da www.lastampa.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni