Pubblicità

Come internet potrebbe cambiare il cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 276 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un team internazionale di ricercatori della Western Sydney University, della Harvard University, del Kings College, della Oxford University e dell'University of Manchester hanno scoperto che Internet può produrre alterazioni acute e prolungate in specifiche aree cognitive, che possono riflettere cambiamenti nel cervello, influenzando la nostra capacità di attenzione, i processi di memoria e le interazioni sociali.

Come internet potrebbe cambiare il cervello

L'ampio rapporto, guidato dal Dr Joseph Firth, ricercatore del NICM Health Research Institute, Western Sydney University e ricercatore onorario all'University of Manchester, ha combinato le prove per produrre modelli revisionati su come internet potrebbe influenzare la struttura del cervello, la sua funzione e lo sviluppo cognitivo. "I risultati chiave di questo rapporto sono: gli alti livelli di utilizzo di internet potrebbero effettivamente avere un impatto su molte funzioni del cervello.

Ad esempio, il flusso illimitato di richieste e notifiche da internet ci incoraggia a tenere costantemente un'attenzione divisa, che poi a sua volta può ridurre la nostra capacità di mantenere la concentrazione su un singolo compito", ha affermato il Dott. Firth. "Inoltre, il mondo online ora ci presenta una risorsa straordinariamente ampia e costantemente accessibile per fatti e informazioni. "Dato che ora abbiamo la maggior parte delle informazioni reali del mondo letteralmente a portata di mano, questo sembra avere il potenziale per iniziare a cambiare i modi in cui archiviamo e persino valutiamo fatti e conoscenze nella società e nel cervello."

La recente introduzione e l'adozione diffusa di queste tecnologie online, insieme ai social media, è anche fonte di preoccupazione per alcuni insegnanti e genitori.

Pubblicità

Le linee guida 2018 dell'Organizzazione mondiale della sanità sostenevano che i bambini piccoli (2-5 anni) erano esposti a un'ora al giorno, o meno, di tempo trascorso davanti a uno schermo. Tuttavia, il rapporto ha anche rilevato che la stragrande maggioranza della ricerca che esamina gli effetti di Internet sul cervello è stata condotta negli adulti - e quindi sono necessarie ulteriori ricerche per determinare i benefici e gli svantaggi dell'uso di Internet nei giovani.

Il Dott. Firth afferma che, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, evitare i potenziali effetti negativi potrebbe essere tanto semplice quanto assicurare che i bambini non si perdano in altre attività cruciali di sviluppo, come l'interazione sociale e l'esercizio fisico, trascorrendo troppo tempo sui dispositivi digitali.

"Per evitare questo, ora ci sono anche una moltitudine di app e programmi software disponibili per limitare l'uso di Internet e l'accesso su smartphone e computer. Metodi che genitori e tutor possono usare per mettere alcune regole familiari riguardo al tempo speso su dispositivi personali, e anche riguardanti i tipi di contenuti coinvolti", continua ad affermare il Dottor Firth, e aggiunge: "parlare ai bambini spesso di come le loro vite online vengono influenzate, è altrettanto  importante, si spera di identificare i bambini a rischio di cyberbullismo, comportamenti di dipendenza o persino sfruttamento, e quindi di consentire interventi tempestivi per evitare esiti avversi".

Il professor Jerome Sarris, vicedirettore e direttore per la ricerca presso il NICM Health Research Institute, Western Sydney University e autore  del rapporto, è preoccupato per alcuni dei potenziali effetti dell'aumento dell'uso di Internet sul cervello.  Il Professor Sarris afferma: "Credo che Internet, abbia la capacità di alterare sia la struttura che il funzionamento del cervello, mentre potenzialmente altera anche il nostro tessuto sociale."

"Per ridurre al minimo i potenziali effetti negativi dell'uso di Internet, suggerirei la consapevolezza e la pratica di messa a fuoco, insieme all'utilizzo di tecniche di" igiene dell'internet" (ad esempio riduzione del multitasking online, comportamenti ritualistici "di controllo" e attività serale online), mentre ci si impegna in interazioni di persona ", ha affermato il professor Sarris, co-autore e direttore del programma di psichiatria digitale presso il Beth Israel Deaconess Medical Center.

Un collega clinico presso la Harvard Medical School, il Dott. John Torous ha aggiunto: "I risultati di questo documento mettono in evidenza quanto ancora dobbiamo imparare sull'impatto del nostro mondo digitale sulla salute mentale e sulla salute del cervello. Ci sono certamente nuovi potenziali benefici per alcuni aspetti della salute, ma dobbiamo bilanciarli con i potenziali rischi ".

Il ricercatore di Oxford e coautore dello studio, il Dott. Josh Firth, ha aggiunto: "È chiaro che Internet ha drasticamente modificato l'opportunità delle interazioni sociali e i contesti in cui le relazioni sociali possono avere luogo. Quindi, è fondamentale capire il potenziale che ha il mondo online di alterare effettivamente il nostro funzionamento sociale e determinare quali aspetti del nostro comportamento sociale cambieranno e quali no ".

 

FONTE:

  • Joseph Firth, John Torous, Brendon Stubbs, Josh A. Firth, Genevieve Z. Steiner, Lee Smith, Mario Alvarez‐Jimenez, John Gleeson, Davy Vancampfort, Christopher J. Armitage, Jerome Sarris. The “online brain”: how the Internet may be changing our cognition. World Psychiatry, 2019; 18 (2): 119 DOI: 10.1002/wps.20617

 

A cura della Dotoressa Arianna Patriarca

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: internet dipendenza da internet

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni