Pubblicità

Come percepiamo gli altri: dipende se sono vestiti o nudi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 591 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli uomini osservano le donne, e le donne osservano gli uomini. Ma questo modo di osservare e, soprattutto, percepire gli altri cambia se la persona che si ha di fronte è vestita o nuda. In particolare il fenomeno si presenta se la persona è di sesso opposto al nostro.
Un team di ricercatori delle Università del Maryland, Yale e Northeastern University, coordinati dallo psicologo Kurt Gray, hanno condotto uno studio in cui si evidenzia come la mente sia influenzata dall’osservazione di un corpo vestito o nudo, e come la percezione di questo si modifichi.

 

 

Una delle conseguenze è che la persona che si ha di fronte è vista in modo diverso da come, invece, la si vedrebbe in altri situazioni.
In controtendenza a lo stereotipo che vuole l’uomo più concentrato sul fisico che non sulla mente di una donna se questa gli appare più o meno nuda, i ricercatori ritengono che questo comportamento si possa invece attribuire a entrambi i sessi, a rimarcare che l’abito, in questo caso, fa la differenza.
«Questo chiama in causa la natura dell’oggettivazione, perché le persone senza vestiti non sono viste come oggetti senza cervello, ma sono invece attribuiti a una diversa natura mentale», commenta Gray sulle pagine del Journal of Personality and Social Psychology.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la propria...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni