Pubblicità

Come percepiamo gli altri: dipende se sono vestiti o nudi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 550 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli uomini osservano le donne, e le donne osservano gli uomini. Ma questo modo di osservare e, soprattutto, percepire gli altri cambia se la persona che si ha di fronte è vestita o nuda. In particolare il fenomeno si presenta se la persona è di sesso opposto al nostro.
Un team di ricercatori delle Università del Maryland, Yale e Northeastern University, coordinati dallo psicologo Kurt Gray, hanno condotto uno studio in cui si evidenzia come la mente sia influenzata dall’osservazione di un corpo vestito o nudo, e come la percezione di questo si modifichi.

 

 

Una delle conseguenze è che la persona che si ha di fronte è vista in modo diverso da come, invece, la si vedrebbe in altri situazioni.
In controtendenza a lo stereotipo che vuole l’uomo più concentrato sul fisico che non sulla mente di una donna se questa gli appare più o meno nuda, i ricercatori ritengono che questo comportamento si possa invece attribuire a entrambi i sessi, a rimarcare che l’abito, in questo caso, fa la differenza.
«Questo chiama in causa la natura dell’oggettivazione, perché le persone senza vestiti non sono viste come oggetti senza cervello, ma sono invece attribuiti a una diversa natura mentale», commenta Gray sulle pagine del Journal of Personality and Social Psychology.

 

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni