Pubblicità

Come preservare la salute mentale in età avanzata

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1305 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo un recente studio, stimolare il cervello assumendo ruoli di leadership sul posto di lavoro o continuando ad istruirsi aiuta gli individui a rimanere mentalmente sani successivamente nella vita.

Salute mentale in età avanzata

 

L’inchiesta su vasta scala, condotta dall'Università di Exeter e pubblicata nella rivista PLOS Medicine, ha utilizzato i dati provenienti da più di 2.000 soggetti mentalmente idonei all’età di 65 anni per validare la teoria secondo cui le esperienze nella vita precoce o intermedia che rappresentano una sfida per la mente, rendono le persone più resilienti ai cambiamenti dell’età e della malattia: presentano una “riserva cognitiva” maggiore.

Dai risultati della ricerca, è emerso che gli individui con livelli più alti di questa “riserva” hanno maggiore probabilità di essere mentalmente in forma più a lungo, dal momento che il cervello sembra essere più resistente a patologie come la demenza.

Linda Clare, professoressa di Psicologia Clinica dell'Invecchiamento e della Demenza dell'Università di Exeter, ha dichiarato: "La perdita di capacità mentali non è inevitabile in età avanzata. Sappiamo che tutti possono fare qualcosa per aumentare la probabilità di mantenersi mentalmente sani, conducendo una vita sana ed impegnandosi in attività stimolanti.  È importante comprendere perché e come questo accada, in modo da poter dare alle persone misure significative ed efficaci per assumere il controllo di una vita piena e attiva anche in età avanzata”.

"Le persone che si impegnano in attività stimolanti che mettono alla prova il cervello, impegnandolo ad utilizzare strategie diverse che coinvolgono una varietà di reti, presentano una "riserva cognitiva" maggiore: questo crea un cuscinetto per il cervello che lo rende più resistente: ciò significa che i segni di declino possono diventare evidenti solo ad una soglia più alta di malattia o di decadimento rispetto a quando questo cuscinetto è assente ".

Pubblicità

Il team di ricerca ha analizzato i dati provenienti da 2,315 partecipanti mentalmente in forma di età superiore ai 65 anni che hanno partecipato ad una serie di interviste volte ad indagare il funzionamento cognitivo nell’invecchiamento.

E’ stato indagato se uno stile di vita sano può essere associato a delle migliori prestazioni attraverso un test della capacità mentale. E’ stato scoperto che una dieta sana, l’attività fisica, attività sociali e mentalmente stimolanti, oltre che un moderato consumo di alcol, sembrano aumentare le prestazioni cognitive.

Le persone con uno stile di vita sano hanno ottenuto migliori punteggi ai test delle capacità mentale e, questo, è stato associato al livello di “riserva cognitiva”.

Questi risultati evidenziano l’importanza di attuare politiche e misure in grado di incoraggiare gli anziani ad apportare cambiamenti nella dieta, ad esercitarsi di più e ad impegnarsi in attività orientate alla società e mentalmente stimolanti. Questi fattori, non sono solo importanti per un cervello sano in età avanzata, ma anche nelle fasi precedenti della vita, poiché aiutano a ridurre il rischio di patologie cardiache.

Testare l'efficacia della stimolazione cerebrale è un aspetto parte del progetto PROTECT (Piattaforma per la ricerca in linea per indagare la genesi e la conoscenza nell'invecchiamento), guidato dalla Professoressa Clare. Per lo studio, sono state già reclutate 20.000 persone di età superiore ai 50 anni. Essi partecipano alla ricerca per stabilire quali misure relative allo stile di vita possono determinare una differenza significativa, per permettere alle persone di rimanere fisicamente e mentalmente attivi in età avanzata.

 

Tratto da. sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: invecchiamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

News Letters

0
condivisioni