Pubblicità

Come riconoscere il rischio psicotico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 318 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La psicosi può essere prevenuta al pari di molte altre malattie: è l'opinione dei ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell'Università della California di Los Angeles. Gli psicologi californiani hanno seguito per due anni e mezzo 291 persone che avevano richiesto un consulto psicologico e che manifestavano sintomi considerati a rischio per lo sviluppo di schizofrenia o di altri disturbi psicotici.

Cinque fattori
Durante il periodo dello studio il 35% dei pazienti osservati ha sviluppato una psicosi conclamata; il rischio di passare al disturbo vero e proprio dai sintomi prodromici è maggiore nei primi mesi che seguono la comparsa di questi ultimi. Questa ricerca ha permesso di identificare cinque fattori che consentono di prevedere l'evoluzione verso una psicosi schizofrenica: un recente peggioramento delle condizioni psicologiche del paziente associato alla predisposizione genetica, pensieri insoliti o bizzarri, sospettosità, compromissione delle relazioni sociali, scolastiche o lavorative, abuso di sostanze. Due o tre di questi fattori presenti simultaneamente consentono di prevedere la schizofrenia con una probabilità del 70-80%. L'importanza dello studio risiede nel fatto che l'accuratezza predittiva delle ricerche precedenti era stata sempre piuttosto modesta; identificare precocemente le persone a rischio di sviluppare una psicosi può essere di importanza cruciale per mettere a punto interventi preventivi, terapeutici e riabilitativi.

Tratto da "repubblica.it" - prosegui nella lettura dellarticolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni