Pubblicità

Comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2653 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio mette in relazione le anomalie del cervello con il comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare.

Comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare

Un recente lavoro che ha coinvolto adolescenti e giovani adulti affetti da un disturbo bipolare, ha individuato differenze strutturali funzionali nel cervello tra i soggetti con tale patologia che hanno tentato il suicidio e coloro che, affetti da tale disturbo, non lo hanno tentato.

E’ stato stimato che circa la metà degli individui con un disturbo bipolare ha effettuato almeno un tentativo di suicidio nel corso della vita. La scoperta di queste differenze potrebbe aiutare i ricercatori a identificare i giovani maggiormente a rischio.

Anche se i soggetti con disturbo bipolare tendono a sperimentare pensieri suicidari già in adolescenza o nella prima età adulta, quando le aree del cervello coinvolte nell’elaborazione delle emozioni sono in piena maturazione, solo pochi studi hanno cercato di esaminare i circuiti neurali associati al comportamento suicidario nei soggetti di questa età.

Nello studio, pubblicato sull’ sull'American Journal of Psychiatry, i ricercatori hanno utilizzato diverse tipologie di risonanza magnetica (MRI) per studiare il cervello di individui con disturbo bipolare di età compresa tra o 14 e i 25 anni, mettendo a confronto 26 soggetti che avevano tentato il suicidio e 42 che non lo avevano fattO.

Attraverso questo lavoro di ricerca, è stato possibile osservare come le aree del cervello deputate alla regolazione delle emozioni e degli impulsi fossero di dimensioni minori e meno attive nei soggetti che avevano tentato il suicidio, rispetto agli altri partecipanti dello studio.

Pubblicità

Inoltre, è stata osservata una riduzione della sostanza bianca, che collega le regioni del cervello, nei partecipanti che avevano tentato il suicidio. Il gruppo dei pazienti che avevano tentato il suicidio, inoltre, presentava una significativa riduzione di materia grigia nella corteccia orbitofrontale, nell’ippocampo e nel cervelletto.

Nelle analisi esplorative, tra i pazienti che avevano tentato il suicidio, è stata riscontrata una significativa correlazione negativa tra connettività prefrontale rostrale destra e ideazione suicida e tra connettività prefrontale ventrale sinistra e l’ideazione suicida.

Secondo i ricercatori, l’azzeramento nei sistemi neurali che sottendono il comportamento suicidari è fondamentale per lo sviluppo di nuove strategie volte alla prevenzione. Queste evidenze potrebbero aiutare i ricercatori a sviluppare interventi finalizzati alla prevenzione del suicidio, attraverso il miglioramento delle funzioni dei circuiti cerebrali perturbati.

 

 

Tratto da: psychologytoday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbo bipolare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

News Letters

0
condivisioni