Pubblicità

Comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1636 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio mette in relazione le anomalie del cervello con il comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare.

Comportamento suicidario nei giovani con disturbo bipolare

Un recente lavoro che ha coinvolto adolescenti e giovani adulti affetti da un disturbo bipolare, ha individuato differenze strutturali funzionali nel cervello tra i soggetti con tale patologia che hanno tentato il suicidio e coloro che, affetti da tale disturbo, non lo hanno tentato.

E’ stato stimato che circa la metà degli individui con un disturbo bipolare ha effettuato almeno un tentativo di suicidio nel corso della vita. La scoperta di queste differenze potrebbe aiutare i ricercatori a identificare i giovani maggiormente a rischio.

Anche se i soggetti con disturbo bipolare tendono a sperimentare pensieri suicidari già in adolescenza o nella prima età adulta, quando le aree del cervello coinvolte nell’elaborazione delle emozioni sono in piena maturazione, solo pochi studi hanno cercato di esaminare i circuiti neurali associati al comportamento suicidario nei soggetti di questa età.

Nello studio, pubblicato sull’ sull'American Journal of Psychiatry, i ricercatori hanno utilizzato diverse tipologie di risonanza magnetica (MRI) per studiare il cervello di individui con disturbo bipolare di età compresa tra o 14 e i 25 anni, mettendo a confronto 26 soggetti che avevano tentato il suicidio e 42 che non lo avevano fattO.

Attraverso questo lavoro di ricerca, è stato possibile osservare come le aree del cervello deputate alla regolazione delle emozioni e degli impulsi fossero di dimensioni minori e meno attive nei soggetti che avevano tentato il suicidio, rispetto agli altri partecipanti dello studio.

Pubblicità

Inoltre, è stata osservata una riduzione della sostanza bianca, che collega le regioni del cervello, nei partecipanti che avevano tentato il suicidio. Il gruppo dei pazienti che avevano tentato il suicidio, inoltre, presentava una significativa riduzione di materia grigia nella corteccia orbitofrontale, nell’ippocampo e nel cervelletto.

Nelle analisi esplorative, tra i pazienti che avevano tentato il suicidio, è stata riscontrata una significativa correlazione negativa tra connettività prefrontale rostrale destra e ideazione suicida e tra connettività prefrontale ventrale sinistra e l’ideazione suicida.

Secondo i ricercatori, l’azzeramento nei sistemi neurali che sottendono il comportamento suicidari è fondamentale per lo sviluppo di nuove strategie volte alla prevenzione. Queste evidenze potrebbero aiutare i ricercatori a sviluppare interventi finalizzati alla prevenzione del suicidio, attraverso il miglioramento delle funzioni dei circuiti cerebrali perturbati.

 

 

Tratto da: psychologytoday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: disturbo bipolare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

News Letters

0
condivisioni