Pubblicità

Comprendere la neurobiologia dello stereotipo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 601 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La stimolazione cerebrale ha fatto luce sulla neurobiologia sottostante i pregiudizi impliciti. Studi recenti di cosa pensino gli essere umani a riguardo di membri di altri gruppi sociali rivelano che i pregiudizi qualche volte operino oltre il nostro controllo consapevole.

stereotipoViene chiamato pregiudizio implicito, la tendenza ad essere sospettosi di persone che percepiamo come stranieri, probabilmente è presente qualche tratto evolutivo nella nostra storia quando un piccolo gruppo di umani competeva tra di loro per risorse preziose come cibo ed acqua. Oggi, la tendenza innata del nostro cervello a categorizzare in stereotipi può risultare nella discriminazione, ingiustizia e conflitto.

In una ricerca pubblicata nel giornale Trends in Cognitive Science, Alvaro Pascual-Leone  ed i suoi colleghi hanno suggerito che la tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva possa essere anche usata per valutare comportamenti potenziali di intervento intesi a ridurre gli stereotipi e le pratiche discriminatorie.
Nella stimolazione cerebrale non invasiva, una corrente elettrica applicata sopra il cranio influenza l'attività delle cellule cerebrali. I neuroscienziati hanno applicato la corrente ai partecipanti mentre eseguivano dei compiti mentali- completare un puzzle, per esempio- per determinare se una data regione cerebrale fosse coinvolta nel compito.

"A differenza delle tecniche tradizionali di imaging cerebrale, la stimolazione cerebrale non invasiva può direttamente avere un impatto sull'attività cerebrale e portare forti evidenze sul fatto che specifiche regioni cerebrali siano collegate a specifici comportamenti sociali - in questo caso, noi la applicammo agli atteggiamenti e stereotipi verso gruppi che si differenziavano nelle caratteristiche sociali - nel nostro caso l'etnia" spiega Pascual-Leone, capo della Division of Cognitive Neurology e Direttore del Berenson-Allen Center for Noninvasive Brain Stimulation al BIDMC. "Il modellamento dell'attività cerebrale in queste regioni può darci una visione rilevante sulla nostra moderna società - nel quale alleanze primitive possono essere in conflitto con i nostri standard di uguali opportunità, giustizia e imparzialità"

Pubblicità

Nel loro articolo, Pascual-Leone e colleghi hanno considerato le pubblicazioni di ricercatori che effettuavano il test ben validato sul pregiudizio implicito, nel quale i partecipanti velocemente classificavano parole collegate a caratteristiche sociali ("obesi" o "magri" per esempio) con parole che trasmettevano un giudizio di valore (come "cattivo" o "buono") mentre gli veniva applicata una stimolazione cerebrale non invasiva. Uno di questi studi ha dimostrato che la stimolazione del lobo temporale anteriore del cervello riduceva l'associazione stereotipica dei partecipanti tra "arabo" e "terrorista".

In un altro esperimento, sempre la stessa regione, riduceva le associazioni cognitive implicite tra "male" e "scienza" e tra "donne" e "studi umanistici". "Le credenze sociali riflettono le associazioni che sono più radicate nei nostri cervelli, e la loro modifica comporterà la riconfigurazione dei sottostanti processi biologici" spiega l'autrice capo dell'articolo Maddalena Marini, PhD nel Dipartimento di Psicologia alla Harvard University, che ha collaborato con Pascual-Leone in una proposta di ricerca multidisciplinare. "Nessuna azione comportamentale designata a cambiare le credenze sociali - come allenamento all'empatia- ha mai prodotto effetti cosi robusti e di lunga durata. Le tecniche di stimolazione cerebrale non invasiva possono portare ad una nuova visione che può aiutarci ad andare incontro al bisogno della nostra società di una comprensione maggiore del comportamento sociale tra i gruppi".

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stereotipo news di psicologia stimolazione cerebrale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni