Pubblicità

Comprendere la neurobiologia dello stereotipo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 339 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La stimolazione cerebrale ha fatto luce sulla neurobiologia sottostante i pregiudizi impliciti. Studi recenti di cosa pensino gli essere umani a riguardo di membri di altri gruppi sociali rivelano che i pregiudizi qualche volte operino oltre il nostro controllo consapevole.

stereotipoViene chiamato pregiudizio implicito, la tendenza ad essere sospettosi di persone che percepiamo come stranieri, probabilmente è presente qualche tratto evolutivo nella nostra storia quando un piccolo gruppo di umani competeva tra di loro per risorse preziose come cibo ed acqua. Oggi, la tendenza innata del nostro cervello a categorizzare in stereotipi può risultare nella discriminazione, ingiustizia e conflitto.

In una ricerca pubblicata nel giornale Trends in Cognitive Science, Alvaro Pascual-Leone  ed i suoi colleghi hanno suggerito che la tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva possa essere anche usata per valutare comportamenti potenziali di intervento intesi a ridurre gli stereotipi e le pratiche discriminatorie.
Nella stimolazione cerebrale non invasiva, una corrente elettrica applicata sopra il cranio influenza l'attività delle cellule cerebrali. I neuroscienziati hanno applicato la corrente ai partecipanti mentre eseguivano dei compiti mentali- completare un puzzle, per esempio- per determinare se una data regione cerebrale fosse coinvolta nel compito.

"A differenza delle tecniche tradizionali di imaging cerebrale, la stimolazione cerebrale non invasiva può direttamente avere un impatto sull'attività cerebrale e portare forti evidenze sul fatto che specifiche regioni cerebrali siano collegate a specifici comportamenti sociali - in questo caso, noi la applicammo agli atteggiamenti e stereotipi verso gruppi che si differenziavano nelle caratteristiche sociali - nel nostro caso l'etnia" spiega Pascual-Leone, capo della Division of Cognitive Neurology e Direttore del Berenson-Allen Center for Noninvasive Brain Stimulation al BIDMC. "Il modellamento dell'attività cerebrale in queste regioni può darci una visione rilevante sulla nostra moderna società - nel quale alleanze primitive possono essere in conflitto con i nostri standard di uguali opportunità, giustizia e imparzialità"

Pubblicità

Nel loro articolo, Pascual-Leone e colleghi hanno considerato le pubblicazioni di ricercatori che effettuavano il test ben validato sul pregiudizio implicito, nel quale i partecipanti velocemente classificavano parole collegate a caratteristiche sociali ("obesi" o "magri" per esempio) con parole che trasmettevano un giudizio di valore (come "cattivo" o "buono") mentre gli veniva applicata una stimolazione cerebrale non invasiva. Uno di questi studi ha dimostrato che la stimolazione del lobo temporale anteriore del cervello riduceva l'associazione stereotipica dei partecipanti tra "arabo" e "terrorista".

In un altro esperimento, sempre la stessa regione, riduceva le associazioni cognitive implicite tra "male" e "scienza" e tra "donne" e "studi umanistici". "Le credenze sociali riflettono le associazioni che sono più radicate nei nostri cervelli, e la loro modifica comporterà la riconfigurazione dei sottostanti processi biologici" spiega l'autrice capo dell'articolo Maddalena Marini, PhD nel Dipartimento di Psicologia alla Harvard University, che ha collaborato con Pascual-Leone in una proposta di ricerca multidisciplinare. "Nessuna azione comportamentale designata a cambiare le credenze sociali - come allenamento all'empatia- ha mai prodotto effetti cosi robusti e di lunga durata. Le tecniche di stimolazione cerebrale non invasiva possono portare ad una nuova visione che può aiutarci ad andare incontro al bisogno della nostra società di una comprensione maggiore del comportamento sociale tra i gruppi".

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: stereotipo news di psicologia stimolazione cerebrale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

News Letters

0
condivisioni