Pubblicità

Comunicare una sentenza di morte (127590)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 400 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia 39

E' giusto secondo Voi tacere all'interessato la verità, corrispondente a morte quasi imminente, nel caso di un malato di tumore incurabile? Si tratta di un mio parente poco più di 50 anni, persona fino a 4 anni fa sana, almeno fino a che gli è stato diagnosticato un tumore. Nonostante le cure egli con molta probabilità non festeggerà il Natale con noi quest'anno. I medici sostengono che non dobbiamo dargli la notizia, il chè mi lascia veramente perplessa, visto che è una persona cosciente e pienamente padrona di sè, che fa un mare di progetti per il futuro della sua famiglia e che e nel corso di questi anni è divenuto quasi medico di se stesso. Mi rendo conto della gravità della cosa ma penso che ci dovrà pur essere un modo per trasmettere un messaggio del genere.

Salve Alessia sono affranto per la malattia che ha colpito il suo famigliare. Quello che penso e posso consigliarle è che in questi casi così difficili e dolorosi è opportuno che ci sia una chiara e limpida comunicazione fra voi e i medici. Infatti sono proprio loro che a livello farmacologico, nonchè umano, dovranno seguire questa persona. Per questo motivo una buona relazione ed una reciproca stima saranno le basi per una migliore gestione del malato. Inoltre i medici avendo maggiori competenze in questo campo potranno auitarla e renderanno più agevoli i prossimi mesi di malattia.Per questo, probabilmente, penso che sarebbe opportuno trovare un momento di confronto fra medici e voi famigliari per poter decidere la miglior terapia per questa persona. Cordiali saluti.

(risponde il Dott. Lorenzo Flori)

Pubblicato in data 30/10/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

News Letters

0
condivisioni