Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Comunicare una sentenza di morte (127590)

on . Postato in News di psicologia | Letto 218 volte

Alessia 39

E' giusto secondo Voi tacere all'interessato la verità, corrispondente a morte quasi imminente, nel caso di un malato di tumore incurabile? Si tratta di un mio parente poco più di 50 anni, persona fino a 4 anni fa sana, almeno fino a che gli è stato diagnosticato un tumore. Nonostante le cure egli con molta probabilità non festeggerà il Natale con noi quest'anno. I medici sostengono che non dobbiamo dargli la notizia, il chè mi lascia veramente perplessa, visto che è una persona cosciente e pienamente padrona di sè, che fa un mare di progetti per il futuro della sua famiglia e che e nel corso di questi anni è divenuto quasi medico di se stesso. Mi rendo conto della gravità della cosa ma penso che ci dovrà pur essere un modo per trasmettere un messaggio del genere.

Salve Alessia sono affranto per la malattia che ha colpito il suo famigliare. Quello che penso e posso consigliarle è che in questi casi così difficili e dolorosi è opportuno che ci sia una chiara e limpida comunicazione fra voi e i medici. Infatti sono proprio loro che a livello farmacologico, nonchè umano, dovranno seguire questa persona. Per questo motivo una buona relazione ed una reciproca stima saranno le basi per una migliore gestione del malato. Inoltre i medici avendo maggiori competenze in questo campo potranno auitarla e renderanno più agevoli i prossimi mesi di malattia.Per questo, probabilmente, penso che sarebbe opportuno trovare un momento di confronto fra medici e voi famigliari per poter decidere la miglior terapia per questa persona. Cordiali saluti.

(risponde il Dott. Lorenzo Flori)

Pubblicato in data 30/10/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

News Letters