Pubblicità

Comunicare una sentenza di morte (127590)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 468 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia 39

E' giusto secondo Voi tacere all'interessato la verità, corrispondente a morte quasi imminente, nel caso di un malato di tumore incurabile? Si tratta di un mio parente poco più di 50 anni, persona fino a 4 anni fa sana, almeno fino a che gli è stato diagnosticato un tumore. Nonostante le cure egli con molta probabilità non festeggerà il Natale con noi quest'anno. I medici sostengono che non dobbiamo dargli la notizia, il chè mi lascia veramente perplessa, visto che è una persona cosciente e pienamente padrona di sè, che fa un mare di progetti per il futuro della sua famiglia e che e nel corso di questi anni è divenuto quasi medico di se stesso. Mi rendo conto della gravità della cosa ma penso che ci dovrà pur essere un modo per trasmettere un messaggio del genere.

Salve Alessia sono affranto per la malattia che ha colpito il suo famigliare. Quello che penso e posso consigliarle è che in questi casi così difficili e dolorosi è opportuno che ci sia una chiara e limpida comunicazione fra voi e i medici. Infatti sono proprio loro che a livello farmacologico, nonchè umano, dovranno seguire questa persona. Per questo motivo una buona relazione ed una reciproca stima saranno le basi per una migliore gestione del malato. Inoltre i medici avendo maggiori competenze in questo campo potranno auitarla e renderanno più agevoli i prossimi mesi di malattia.Per questo, probabilmente, penso che sarebbe opportuno trovare un momento di confronto fra medici e voi famigliari per poter decidere la miglior terapia per questa persona. Cordiali saluti.

(risponde il Dott. Lorenzo Flori)

Pubblicato in data 30/10/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni