Pubblicità

Comunicazione Non Verbale. I 10 Errori Da Evitare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2026 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Secondo  le ricerche di Albert Mehrabian, professore di psicologia all’UCLA, le parole rappresentano solo il 7%  della comunicazione, il resto è rappresentato dalla comunicazione paraverbale (38%) e dalla comunicazione non verbale (55%).
Da questa ricerca se ne ricava che  è attraverso il linguaggio del corpo che passa il “grosso” del messaggio che trasmettiamo durante la comunicazione.  E che l’importanza di ciò che non diciamo sovrasta quello che  diciamo.

Possiamo fare assumere alla stessa frase significati diversi semplicemente accompagnandoli con un linguaggio del corpo differente.
Attraverso la mimica facciale, i gesti, le posture, il tono della voce e altri particolari possiamo trasmettere sicurezza, fiducia e autorevolezza oppure insicurezza, sospetto e paura.
Tutto questo prevalentemente al di sotto della consapevolezza dell’ interlocutore.
Infatti il linguaggio non verbale è una forma di comunicazione molto potente che viene decodificata a livello inconscio e che sarebbe un gravissimo sbaglio ignorare o sottovalutare.

Tratto da: "ipermind.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni